Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Rosuvastatina, protagonista della prevenzione cardiovascolare


Rosuvastatina, protagonista della prevenzione cardiovascolare
23/02/2010, 15:02


NAPOLI - Presentato oggi il volume “Rosuvastatina: nuovi risultati e nuovi obiettivi terapeutici. Cosa cambia per i nostri pazienti”, a firma del Prof. Paolo Rubba, Direttore del dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Università Federico II di Napoli. ”Il volume, - chiarisce il Prof. Rubba, - si rivolge prevalentemente ai Medici di Medicina Generale e agli Specialisti e rappresenta uno strumento potenzialmente utile anche per migliorare l'informazione e l'educazione di un paziente sempre più attento alla propria salute. Il libro è realizzato, infatti, in una versione cartacea ma corredata da uno slide-kit, con l'ambizione di potenziare la comunicazione sul delicato e importante tema della prevenzione delle patologie cardiovascolari".
Un testo che, sebbene dedicato ad un farmaco, non è un manuale di farmacologia ma, al contrario è uno strumento agile, di semplice lettura e puntualmente aggiornato sulle più rilevanti evidenze scientifiche dell’area.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
“Ogni giorno, - risponde il Prof. Rubba, - si affaccia alla nostra attenzione una crescente mole di articoli scientifici in tutte le lingue e, in genere, la maggior parte di questi aggiunge solo piccoli tasselli alla conoscenza generale della materia, con uno scarso livello di innovatività. Lo scorso anno invece, abbiamo assistito ad uno straordinario evento scientifico con la pubblicazione dei risultati dello Studio JUPITER sull'efficacia di rosuvastatina. Non esito a definire questo studio una delle novità più significative del decennio che stiamo vivendo. Ecco il perché di questo libro che vede come protagonista rosuvastatina”, spiega il Prof. Rubba. o studio clinico JUPITER (Justification for the Use of statins in Primary prevention: an Intervention Trial Evaluating Rosuvastatin), è un grande studio realizzato su oltre 17.000 partecipanti in più di 1.200 centri in 26 paesi, che è stato chiuso in anticipo per il riscontro inequivocabile di una riduzione della morbilità e della mortalità cardiovascolare nei pazienti trattati con rosuvastatina rispetto a quelli trattati con placebo. Ha dimostrato che rosuvastatina 20 mg è in grado di determinare una significativa riduzione del rischio in uomini e donne con livelli di colesterolo normali ma con livelli elevati di infiammazione sistemica (proteina C reattiva o PCR).
"La proteina C reattiva, i cui livelli plasmatici ben si correlano con il grado di infiammazione, è indiscutibilmente un marker di aumentato rischio cardiovascolare, un segnale di pericolo per l'organismo. Conoscendo l’alto valore predittivo di rischio cardiovascolare della proteina C reattiva è stato possibile realizzare uno studio di confronto di rosuvastatina verso placebo, lo Studio JUPITER, in una popolazione di soggetti in prevenzione primaria, cioè soggetti non ancora affetti da patologie cardiovascolari che avevano il colesterolo plasmatico nei limiti e la proteina C reattiva al di sopra dei valori normali. Lo studio Jupiter, va ricordato, è stato interrotto prematuramente, prima cioè della sua durata prevista, a causa di un eccesso di benefici nel braccio dei pazienti trattati con rosuvastatina rispetto al placebo". commenta il Prof. Paolo Golino, Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Cardiologia dell’Azienda Ospedaliera San Sebastiano di Caserta e Professore Ordinario di Cardiologia della Seconda Università di Napoli
"Per chiarire il ruolo della PCR, prosegue il Prof. Golino -quando in Cardiologia parliamo di infiammazione ci riferiamo a una condizione infiammatoria di basso livello, ma continua. Molti studi suggeriscono che la condizione infiammatoria continua è sostenuta dagli stessi meccanismi che favoriscono l’accumulo di colesterolo LDL nella parete arteriosa, con la conseguente formazione e progressione della placca ateromatosa".
"Il messaggio chiave dello studio JUPITER, - conclude il Prof. Golino, - è quindi che in alcuni individui, questi processi infiammatori possono essere sostenuti anche in presenza di livelli plasmatici di colesterolo LDL finora considerati ‘normali’. In questi individui, che possono essere identificati attraverso la semplice misurazione della proteina C reattiva, siamo in grado inibire “a monte” i meccanismi responsabili di questi processi dannosi, attraverso la riduzione del colesterolo LDL ottenuta con la somministrazione di rosuvastatina. In tal modo, riusciamo a ridurre lo stimolo infiammatorio e siamo in grado di ottenere una diminuzione molto importante degli eventi cardiovascolari".
2
"Lo Studio JUPITER ci pone, quindi, il problema di ripensare alle nostre scelte di prevenzione, - spiega il Prof. Rubba. I pazienti dello Studio JUPITER sono pazienti che, secondo le carte del rischio ancora in vigore, non dovrebbero essere trattati altro che con misure dietetiche e comportamentali, i cosiddetti soggetti a rischio intermedio. Invece, lo studio dimostra che somministrando a questi pazienti rosuvastatina al dosaggio intermedio di 20mg/die, si ottiene il più clamoroso risultato di prevenzione cardiovascolare mai pubblicato fino ad ora, raggiungendo una riduzione degli infarti miocardici del 50% circa. Le linee guida, potrebbero prendere atto di tali risultati". I risultati dello studio JUPITER, lo ricordiamo, hanno evidenziato una riduzione del 44% dell’incidenza degli eventi cardiovascolari maggiori (rischio combinato di infarto, ictus, rivascolarizzazione arteriosa, ricovero ospedaliero per angina instabile o morte per cause cardiovascolari); una riduzione del 47% del rischio combinato di infarto, ictus e mortalità CV; un abbattimento del 54%, del rischio di infarto; un calo vicino al 50% del rischio di ictus ed una contrazione significativa del 20% della mortalità totale.1 Tali risultati, si associano alla riduzione mediana del 50% (p < 0,001) dei livelli di colesterolo LDL, scesi durante il trattamento a 55 mg/dL (mediana).1
Dunque, dopo lo studio JUPITER non si può non rifare il punto sulle strategie di prevenzione primaria e secondaria delle patologie cardiovascolari e sul ruolo di rosuvastatina in materia. "La gran parte degli innalzamenti moderati dei livelli di proteina C reattiva ad alta sensibilità è dovuta a obesità e sovrappeso - aggiunge il Prof. Rubba - Infatti, come lo studio Jupiter ha rilevato, l'80% dei pazienti esaminati erano soggetti obesi o in sovrappeso”. In particolare, l'obesità viscerale (soprattutto se associata ad altri fattori di rischio cardiovascolari) costituisce il motore di un'infiammazione di basso grado ma diffusa e, quindi, costituisce un fattore fenotipico evidente di rischio. "L'obesità viscerale si associa alla produzione di tutta una serie di sostanze, - precisa il Prof. Golino, - non solo la PCR, ma anche altre quali le adipocitochine, che favoriscono la formazione della placca". In altre parole, l'obesità viscerale aumenta oggettivamente il rischio di eventi cardiovascolari di origine ischemica. Su questi soggetti, il primo intervento è la dieta e l'esercizio fisico. "Ma su 100 persone a cui viene prescritto di dimagrire, - avverte il Prof. Rubba, - solo 20 prendono in considerazione l'idea e, di queste, soltanto 10 modificano davvero la propria dieta e il proprio comportamento. “Dobbiamo rivalutare pazienti con questo profilo, - aggiunge il Professore - gestire coloro che sono a rischio e non ne sono consci, sensibilizzare il medico a tenere in considerazione tra i fattori di rischio, l’obesità viscerale e la proteina C reattiva”. “Negli ultimi 20 anni, - conclude il Prof. Rubba, - le possibilità di riduzione del rischio cardiovascolare hanno fatto un prodigioso e inaspettato passo in avanti con l’introduzione riconosciuta e consolidata delle statine nella terapia cardiovascolare. Ultimamente si è però sviluppato un interesse sempre maggiore nei confronti delle strategie preventive e dei percorsi terapeutici più efficaci, poiché, nonostante un corretto e attento utilizzo di questi farmaci, il rischio cardiovascolare residuo può risultare ancora elevato”. Uno dei meriti dello studio Jupiter è stato quello di attrarre l’attenzione su fattori di rischio cardiovascolare legati all’infiammazione ma che, ad oggi, non sono ancora inclusi nelle attuali carte del rischio (ad esempio l’obesità addominale, la sindrome metabolica). Attraverso una loro valutazione è possibile effettuare una stima ancora più precisa del livello di rischio di tutti i pazienti e, conseguentemente intraprendere i percorsi più idonei. Rosuvastatina - prosegue il prof. Rubba - ha dimostrato essere efficace nel proteggere i nostri pazienti dal rischio cardiovascolare e dallo studio Jupiter si e’ definitivamente compreso che e’ importante migliorare la valutazione di tale rischio con tutti i mezzi a nostra disposizione, senza trascurare fattori di rischio quali la proteina C reattiva e l’obesità viscerale, che devono essere prese in considerazione, indagate e curate in modo da proteggere il paziente dal rischio di eventi cardiovascolari”. In conclusione, il libro, il suo obiettivo il suo contenuto e la sua struttura sono importanti per un duplice motivo: dare uno strumento di valore scientifico e pratico al medico di medicina generale ed allo specialista, e nel contempo informare ed educare i pazienti a “capire il rischio cardiovascolare e non sottovalutarlo” affidandosi al medico con fiducia. Un libro che apre una nuova strada e una presa di coscienza dei medici grazie a dati clinici importanti quali quelli dello studio Jupiter di cui anche le linee guida dovranno prendere atto nella valutazione dei fattori di rischio cardiovascolare e nelle indicazioni per la prevenzione.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©