Cyber, scienza e gossip / Gossip

Commenta Stampa

Royal baby: Ci siamo quasi, scommesse sospese sulla data di nascita


Royal baby: Ci siamo quasi, scommesse sospese sulla data di nascita
22/07/2013, 14:57

ROMA - L'attenzione era già altissima, poi questa mattina è arrivata la notizia che ha dato un'ulteriore scossa alle scommesse sul Royal Baby. Kate Middleton è in ospedale e ha cominciato il travaglio: è una questione di ore la nascita dell'erede reale. E così gli scommettitori d'oltremanica si sono riversati in massa nelle agenzie, approfittando dell'ultimo lasso di tempo utile per piazzare delle giocate sul bebè di Will e Kate. Dalle 7 di questa mattina, riferisce Agipronews, sul circuito internazionale di Paddy Power, sono stati puntati quasi 40mila euro sulle diverse scommesse aperte sull'evento, per un giro d'affari complessivo da oltre 500mila euro e che, in tutto il Regno Unito, potrebbe superare i due milioni. Che il giorno giusto per la nascita sia oggi lo confermano gli stessi bookmaker: sempre Paddy Power ha sospeso le giocate sulla data di nascita, a questo punto è troppo alta la probabilità di un parto in giornata. I più, allora, provano a indovinare il nome: in tanti oggi hanno scommesso su "Isabella", così da far scendere la quota su questa opzione da 26,00 a 11,00. L'ipotesi favorita resta Alexandra (a 3,75) se sarà una femminuccia, mentre in caso di maschietto si punta su George, a 6 volte la scommessa. Qualcuno, inoltre, sceglie nomi poco consueti, cercando una vincita consistente: sul nome "Matilda", piazzato a 34,00, qualcuno ha piazzato 600 euro, sperando di vincerne oltre 20mila. E ancora, si punta sul peso del bebè (dovrebbe essere tra i 3 e i 4 chili), sul colore dei suoi capelli e su chi lo terrà in braccio all'uscita dall'ospedale, con William favorito su Kate. E siccome si parla di Kate, i bookmaker non potevano lasciare fuori dalle scommesse la chiacchieratissima Pippa Middleton: a quota 5,00 che la "zia" si presenterà con un vestito rosso all'ospedale, per la prima visita al nuovo arrivato.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©