Cyber, scienza e gossip / Gossip

Commenta Stampa

Jet privato e 40.000 euro. Uno scandalo

Ruby Rubacuori sbarca a Vienna per il ballo dell’Opera


Ruby Rubacuori sbarca a Vienna per il ballo dell’Opera
01/03/2011, 21:03

Fra bon ton e trash, elite della buona società e esercito di aspiranti vip, il Ballo dell’Opera di Vienna torna anche quest’anno, con il tradizionale contorno di gossip, scandali e lucrosi affari. L’appuntamento è per il 3 marzo giovedì grasso e lo spunto quello di sempre: festeggiare l’apice della stagione dei balli sotto Carnevale - vera mania a Vienna - e l’ingresso in società di decine di coppie di giovani debuttanti, 144 quest’anno. Come ogni evento mondano che si rispetti, anche questo si nutre di scandali, e quest’anno la parte da protagonista è toccata a Ruby, la callgirl marocchina che ha messo nei guai il premier Silvio Berlusconi. Sarà ospite del magnate austriaco Richard Lugner, 78 anni, ex re del mattone che ogni anno invita nel suo palco personaggi dello show-bizz, con relativo tam tam mediatico. Ruby Rubacuori è arrivata a Vienna con uno Jet privato e 40.000 euro. Niente male. Se la passa bene Ruby, insomma. Per la società bene e i promotori del Ballo dell’Opera la decisione di riservare un posto di alta qualità alla marocchina divenuta famosa per uno scandalo è un orrore, ma per la stampa, invece, è una manna. A Vienna un fitto programma aspetta Ruby: prova del vestito per il ballo (della stilista Nico Fechter); domani conferenza stampa alle 13 (ma le domande le farà un moderatore, i giornalisti non avranno la parola) nella Lugner City. Segue un’ora di autografi e nuova prova dell’abito da sera. Il 3, pranzo fuori Vienna (trasporto in elicottero), rientro in albergo, parrucchiere e ballo la sera. Con qualche intervista tv, a pagamento, potrà però rimpinguare il cachet: 10.000 euro l’una. La sua presenza ha mandato su tutte le furie la madrina del ballo, Desiree Treichl-Stuerkh, che ha gridato allo scandalo e accusato Lugner di avere toccato il fondo del cattivo gusto, minacciando di non affittargli più un palco in futuro.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©