Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

SABATO 24 E DOMENICA 25 GENNAIO ESPLORA IL "NANOMONDO": LIQUIDI MAGNETICI E IL FILO CON LA MEMORIA


SABATO 24 E DOMENICA 25 GENNAIO ESPLORA IL 'NANOMONDO': LIQUIDI MAGNETICI E IL FILO CON LA MEMORIA
22/01/2009, 16:01

Motori molecolari, vetri che non si appannano, pannelli solari che riproducono la fotosintesi delle piante, telecamere invisibili e tanti altri oggetti in grado di proiettarci in una dimensione che oggi sembra ancora solo fantascienza. Nei laboratori scientifici di tutto il mondo è in atto una nuova rivoluzione tecnologica: l’uomo sta imparando a manipolare i singoli atomi che costituiscono la materia e a costruire strumenti e materiali nuovi con “particelle” grandi pochi milionesimi di millimetro. Si apre così una nuova era, quella delle nanotecnologie. È facile prevedere che molto presto le applicazioni pratiche delle ricerche in corso potranno cambiare radicalmente la nostra vita. Questo mondo dell’infinitamente piccolo non risponde alle leggi della fisica classica e può interagire con gli organismi viventi in maniera nuova e, a volte, imprevedibile. Nuove speranze e nuove promesse, quindi, ma anche nuovi rischi e nuove - ma forse vecchie - paure, a volte fondate e a volte frutto di una ingiustificata diffidenza nei confronti del progresso. E’ quindi importante ed opportuno parlarne con gli esperti che già da alcuni anni lavorano in questo ambito. Sabato 24 e domenica 25 gennaio, a Città della Scienza, grazie, anche, all’esperienza maturata nell’ambito del progetto europeo Nanodialogue, del quale la Fondazione IDIS è stata protagonista, si cercheranno le risposte a tante domande e con un fitto programma di incontri, osservazioni ed esperienze di laboratorio si potrà dare uno sguardo al mondo del futuro. Alle ore 12.00 due ricercatori della società “Novaetech”, il dottor Gianluca Ferrini e il dottor Raffaele Battaglia incontreranno il pubblico sul tema “Nanotecnologie al servizio dell’ambiente”. La Novaetech è una società di produzione di beni e servizi nel campo della ricerca e delle tecnologie avanzate che opera principalmente nell'ambito delle tecnologie per il monitoraggio ambientale e delle tecnologie per il settore aerospaziale. Di particolare interesse è lo sviluppo di prototipi per il monitoraggio di polveri in vari ambienti. Gli esperti mostreranno l’uso di un innovativo strumento con il quale, differentemente dai metodi tradizionali, è possibile ottenere una visione in tempo reale della variazione di concentrazione del particolato nell’aria. Le dimensioni ridotte dello strumento ne rendono l’uso particolarmente versatile, sia per scopi operativi che didattici. Nel corso della giornata sarà possibile inoltre osservare oggetti costruiti con materiale innovativo, come i “liquidi magnetici” o il “filo dotato di memoria”, in grado di ricordare la sua forma originaria. Come ogni fine settimana non mancheranno attività per i bambini che nei laboratori dell’Officina dei Piccoli  potranno dar forma alla loro fantasia e creatività disegnando le loro “macchine del futuro”.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©