Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

SALTA L'ACCORDO TRA YAHOO E GOOGLE, NON RESTA CHE MICROSOFT


SALTA L'ACCORDO TRA YAHOO E GOOGLE, NON RESTA CHE MICROSOFT
06/11/2008, 10:11

Con un secco comunicato, Google sbatte la porta in faccia a Yahoo, lasciandola affondare. Infatti, dopo settimane di trattative, Google ha chiuso le trattative per la fusione di Yahoo, spaventata dal fatto che l'antitrust americano ritiene che la fusione tra i due motori di ricerca creerebbe una situazione di monopolio, in grado di attirare tutta la pubblicità della rete. Ove la fusione fosse portata a termine, si aprirebbero cause legali e lungaggini giudiziarie che rischiano di allontanare gli investitori abituali, cosa che danneggerebbe entrambe le società.

A questo punto i problemi sono di Yahoo e del suo capo, Jerry Yang. La società ha enormi potenzialità, ma ultimamente zoppica e perde molti soldi. Negli ultimi anni ha rifiutato più di una offerta di acquisizione da parte di Microsoft, alla quale farebbe comodo una simile fusione; l'ultima con un valore di 33 dollari per azione contro i circa 20 che sono la quotazione delle azioni Yahoo. Questi rifiuti hanno fatto il vuoto intorno a Yang, perchè molti manager se ne sono andati a causa di questo modo di agire. Ma adesso che succederà, se sarà Yang a dover bussare alle porte di Redmond? Nè d'altra parte è praticabile la fusione, anche questa più volte ventilata, con AOL, in quanto in questo periodo di crisi, significherebbe fondere due società in perdita. Difficile che il rislutato sia positivo.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©