Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Cure dimagranti improvvisate? in crescita vertiginosa

Salute: fra gli adolescenti è allarme “diete fai da te”


Salute: fra gli adolescenti è allarme “diete fai da te”
27/06/2011, 21:06

È allarme “diete fai-da-te” fra gli adolescenti italiani. Un’indagine del Centro Studi Tisanoreica, infatti, conferma la crescita vertiginosa e costante del fenomeno delle cure dimagranti improvvisate: nel 2010 oltre un ragazzo su cinque, di età compresa fra i 13 e i 19 anni, afferma di aver fatto una dieta dimagrante, ma solo il 32% si è rivolto a un medico per perdere peso. Il restante 68% ha sperimentato rimedi “fai-da-te”, con risultati catastrofici e potenzialmente molto pericolosi per la salute.
Regimi alimentari rigidi ma non controllati, provati dal 35% dei ragazzi e dal 43% delle ragazze, che spesso coincidono con un digiuno totale e prolungato. Le conseguenze sono quasi sempre molto gravi: in primis disturbi alimentari come anoressia e bulimia. E non è tutto: oltre i 2/3 dei giovani che hanno seguito regimi dietetici “fai-da-te” non solo hanno ripreso il proprio peso ma, nel giro di qualche anno, si sono ritrovate più grassi di prima a causa del classico effetto yo-yo. Fra i rimedi preferiti e improvvisati dai teen-ager vanno per la maggiore i regimi alimentari tanto di moda oltreoceano: la dieta “dissociata”, carboidrati a pranzo e proteine a cena, “la dieta Beverly hills”, solo frutta per 10 giorni, “la dieta del minestrone”, zuppa a colazione, pranzo e cena, o la “dieta dell’ananas”. Alimenti apparentemente innocui che possono trasformarsi in pericolosi nemici della salute, proprio perché la loro esclusiva assunzione priva della razione alimentare quotidiana di sostanze invece indispensabili.
L’indagine denuncia come per molti di questi ragazzi si verifichino scompensi nell’alimentazione o, ancora peggio, come la maggior parte di loro approcci diete sconsiderate senza valutare i conseguenti irreparabili danni al metabolismo L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha individuato nei disturbi alimentari uno dei pericoli maggiori di questo secolo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©