Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Ne da l'allarme l'Istituto superiore di Sanità

Salute: il 7% dei neonati italiani ha alcol nel sangue


Salute: il 7% dei neonati italiani ha alcol nel sangue
10/09/2011, 15:09

Mai bere alcolici durante una gravidanza. È una regola che ormai anche i bambini conoscono, ma che non tutte le mamme sono disposte a seguire. Non è un caso, infatti, che su 100 bambini italiani, 7 subiscono le conseguenze di questa negligenza. A darne l’allarme è l’Istituto superiore di sanità, che ha reso noto il risultato della lunga ricerca effettuata a riguardo, proprio in occasione della prima giornata internazionale della consapevolezza sulla sindrome feto-alcolica.

Inoltre, secondo gli studi effettuati, il problema analizzato ha una distribuzione diversificata nelle diverse città campione prese in considerazione. “Nei Paesi mediterranei” – spiega la dottoressa Pichini, che ha guidato il gruppo di ricerca – “non si sa nulla degli effetti delle bevande consumate dalle mamme durante la gravidanza”.

“Questo studio” – ha continuato la ricercatrice – “non ha dimostrato che i piccoli sono malati. Ma che sono stati esposti ai gravi rischi dell'alcol. Ovvero quelli di sviluppare tra pochissimi anni deficit intellettivi, cognitivi e psicosociali. La sindrome feto-alcolica è una disabilità permanente per il neonato” – ha poi proseguito la dottoressa – “Si tratta principalmente di problemi neurologici, neuromorfologici, problemi di sviluppo cerebrale, disabilità serie”.

Non tutti, però, seguono questa linea di pensiero. Herbert Valensise, presidente della Società italiana di Ginecologia e Ostretricia, ritiene che le cause di questi disturbi siano ancora da dimostrare. “L’alcol va considerato un fattore di rischio” – ha dichiarato il presidente dell’associazione – “ma gli effetti che determinano una disabilità neurologica neonatale sono molteplici, dalla carenza di jodio, a quella di ossigeno in gravidanza fino ai problemi perinatali”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©