Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Analizzate le 10 municipalità

Salute: mortalità, ecco i dati dell’Angir


Salute: mortalità, ecco i dati dell’Angir
15/10/2012, 16:41

NAPOLI - Sono stati  resi pubblici oggi i primi dati della ricerca sull'andamento temporale della mortalità effettuata dall'Osservatorio oncologico Angir, ossia l'associazione napoletana dei giovani ricercatori.

Sotto la lente d'ingrandimento, in un arco temporale che va dal 2001 al 2010, ci sono le 10 municipalità del capoluogo partenopeo. I dati utilizzati dall’associazione, numero di decessi per causa oncologica, sede del tumore, sesso, età e residenza, sono stati forniti dal servizio statistica del comune di Napoli. Il calcolo dei tassi di mortalità, inoltre, è stato effettuato con il metodo della standardizzazione diretta, che consente un corretto confronto fra periodi o aree diverse.

 “Lo studio mostra come nella III municipalità (Stella, San Carlo all'Arena), nella VI (San Lorenzo, Vicaria, Poggioreale, zona industriale), nella IX( Soccavo, Pianura) e nella X (Bagnoli, Fuorigrotta) ci sia un trend in aumento significativo. Solo nella V Municipalità (Vomero, Arenella) – fa sapere Anna Crispo, statistico Angir - il trend è significativamente in diminuzione”.

Ma l'analisi è solo al primo step. Molto probabilmente, entro il prossimo dicembre saranno rese pubbliche ulteriori  informazioni che riguarderanno la verifica di mortalità per tipologie tumorali. I nuovi dati verranno, poi, incrociati con le banche dati dei medici di Medicina Generale e, in ultimo, divulgati soprattutto nelle scuole con l'obiettivo di diffondere tra i giovani sani stili di vita.

 “Occorre capire quanto sta accadendo nel perimetro cittadino rispetto a determinate patologie  - sottolinea l'assessore comunale con delega alla Sanità Giuseppina Tommasielli - con l'Osservatorio oncologico prevediamo e precediamo il verificarsi di talune situazioni e ciò significa metterle sotto osservazione per eventuali azioni. Sarebbe necessario che tutti i Comuni avessero iniziative analoghe”. 

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©