Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

L'indagine condotta da Datanalysis

Salute: per due donne su tre allattare significa dire addio a un bel décolleté


Salute: per due donne su tre allattare significa dire addio a un bel décolleté
20/05/2010, 10:05


ROMA - Dopo l'allattamento, il seno non tornerà mai più come prima: lo credono due donne su tre, anche in Emilia Romagna. È il risultato di un'indagine condotta da Datanalysis su 1000 donne tra i 18 e i 40 anni, che fa emergere un aspetto poco considerato della maternità: la perdita della femminilità tra le neo mamme e le conseguenze fisiche, ma soprattutto psicologiche, che questo comporta. Per informare su questi argomenti arriva anche a Bologna il progetto "Cuore di mamma, corpo di donna", realizzato in collaborazione con ginecologi, psicologi e medici estetici con l'obiettivo di informare le mamme sull'importanza dell'allattamento al seno, a volte evitato proprio per il timore che perda quel volume naturale indispensabile per mantenere la propria femminilità, e sui modi non chirurgici per farlo tornare come prima.
«Diventare mamma non significa rinunciare a essere donna - afferma Alessandro Gennai, chirurgo plastico di Bologna che aderisce all'iniziativa -. Anzi, la maternità è un'occasione per riscoprire il proprio corpo e per tornare ad apprezzarlo dopo le esperienze della gravidanza e dell'allattamento che, seppur belle e gratificanti, stravolgono il proprio fisico». Anche se le donne ritengono che il decolleté sia "fondamentale per conservare la propria femminilità" (75%) e una neo mamma su due ritiene che sia utile un intervento correttivo dopo l'allattamento, ben l'80% delle intervistate ha rinunciato a interventi per far ritornare il proprio seno quello di una volta. I motivi? In primis il timore del bisturi (56,7%), ma anche la mancanza dei tempi tecnici da dedicare alla chirurgia, tra ricovero e tempi di recupero (10,8%). Solo il 22% si dice disposto ad andare sotto ai ferri per ritrovare il tono precedente alla gravidanza, mentre il 70% accetterebbe volentieri un aiuto leggero e senza anestesia.
«A qualche mese dal parto le neo mamme tornano a guardarsi allo specchio e si scoprono inevitabilmente cambiate, anche perché oggi le gravidanze interessano sempre più spesso donne over 35, un'età in cui la pelle perde tonicità e fatica a ritornare come prima - dice ancora il dottor Gennai -. Per ritrovare la propria femminilità esistono tecniche sicure ed efficaci per ridare forma al seno che durano il tempo del riposino pomeridiano del bambino». La soluzione più apprezzata anche dalle neo mamme bolognesi è l'acido ialuronico macromolecolare, che consente di rimodellare il seno e di arrotondare le mammelle svuotate dalla gravidanza in maniera graduale e armonica in 30 minuti, senza anestesia ed effetti collaterali. Il risultato che si ottiene non è definitivo, in quando l'acido ialuronico si riassorbe progressivamente, ma è ideale come soluzione "last minute" per sfoggiare un bikini già quest'estate.
"Cuore di mamma, corpo di donna" è anche un sito internet: www.cuoredimammacorpodidonna.it, dove si trovano informazioni, curiosità, indirizzi e recapiti dei medici specialisti di tutta Italia, le città coinvolte nella campagna, e le risposte a molte delle domande che ogni donna si pone dopo aver allattato al seno il suo bambino. "Cuore di mamma, corpo di donna" è una campagna educazionale supportata da Q-Med, produttrice di Macrolane, l'acido ialuronico macromolecolare per il rimodellamento del seno senza chirurgia.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©