Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Salute, Santori: Roma capitale del Panico


Salute, Santori: Roma capitale del Panico
04/03/2011, 11:03

“Sono circa 750 mila i romani ad avere disturbi di panico, sia in forma cronica ( 23%) che sporadica (21%), principalmente a causa dello stress e dell’ambiente urbano. Ad essere più colpite sono le donne, specie quelle laureate, in età compresa tra i 25 e i 54 anni di età.” E’ quanto emerge da uno studio condotto dall’Isneg, Istituto di Neuroscienze Globale, in collaborazione con l'Istituto di sondaggi Swg, presentato oggi in Campidoglio dal direttore e neuroscienziato Prof. Rosario Sorrentino e da Fabrizio Santori, Presidente della Commissione sicurezza di Roma Capitale. L’evento è stato moderato dalla Dott.ssa Alda D’Eusanio.

“Roma Capitale scende in campo concretamente contro il panico, che colpisce persone di ogni età e in modo particolare gli adolescenti, mettendo a disposizione i numeri di telefono della commissione Sicurezza 06671072477 e dell’Isneg per raccogliere le richieste di aiuto che provengono da chi viene colpito da questo disturbo sempre più diffuso. Grazie alla collaborazione tra Istituzioni e Scienza saranno attivati corsi di formazione per gli operatori del settore ed un laboratorio di ricerca e di monitoraggio del fenomeno, affinché possa essere affrontato e superato sempre con migliori strumenti e professionalità. La lotta agli attacchi di panico deve partire su più fronti: la cura, la ricerca e l’informazione – lo dichiara in una nota Fabrizio Santori, che sottolinea come tale patologia possa essere deleteria per le persone colpite, al punto da limitarne la libertà di movimento e le relazioni sociali. Disturbi come il panico, la violenza psicologica domestica e tutto ciò che sembra riguardare unicamente la vita privata del singolo individuo sono all’attenzione dell’amministrazione capitolina che, unica in Italia, non lascia soli coloro che necessitano di un supporto concreto. Analizzare un problema e progettarne interventi risolutivi, infatti, è il primo passo per affrontare le emergenze – conclude Santori.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©