Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

La Fapav sta controllando illegalmente gli internauti?

Scattata la monitorizzazione di chi scarica film?


Scattata la monitorizzazione di chi scarica film?
11/02/2010, 09:02

ROMA - Il fenomeno del downloading via Internet è un fatto stranoto, che chiunque, prima o poi, ha fatto. Che si tratti di canzoni o di film, ormai Internet consente di farlo agevolmente sia attraverso siti appositamente dedicati, sia attraverso i cosiddetti sistemi p2p, il più famoso dei quali è senz'altro e-mule. Per questo vengono fatti sempre maggiori inasprimenti legali a vantaggio della Siae, che - non contenta di esercitare un controllo sul mercato attraverso gli accordi di cartello, che impongono prezzi esosi agli utenti - cercano di sconfiggere il fenomeno.
Non bastando questo la Fapav (Federazione anti-pirateria audio visiva) ha presentato un ricorso urgente al Tribunale di Roma contro la Telecom, per avere i dati anagrafici degli utenti che frequentano i siti più noti che la Fapav ha messo sotto controllo tramite una società francese, la CoPeerRight, e di cui posseggono gli ID, cioè i numeri di codice che consentono di navigare. In questo processo però c'è anche il legale del Garante per la Privacy che ha protestato per questo monitoraggio, che viola la privacy degli utenti e che ha profili di dubbia legalità. E quindi chiede che il Giudice investito di questo problema rigetti la richiesta perchè la tutela della privacy è un diritto che viene prima di un semplice diritto economico individuale

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©