Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Science Centre di Città della Scienza dedica una giornata alla scoperta degli uccelli marini


Science Centre di Città della Scienza dedica una giornata alla scoperta degli uccelli marini
31/01/2012, 17:01

Domenica 5 febbraio lo Science Centre di Città della Scienza dedica una giornata alla scoperta degli uccelli marini che volano sulle nostre coste. L’osservazione della dinamica del volo, basata su alcuni principi base della fisica, e della struttura morfologica delle loro ali, hanno aiutato l’uomo nella progettazione e creazione di aerei ed elicotteri.
Grazie alla partecipazione del CRAS-Centro Recupero Animali Selvatici della ASL Napoli 1, sarà possibile assistere al volo di rapaci recuperati e curati nel loro centro. Sulla terrazza del museo verranno liberate queste splendide e affascinanti creature, pronte per ritornare nel loro habitat naturale. Nel corso della mattinata, Vincenzo Cavaliere, ornitologo; Antonio Carmine Esposito, Assessorato all’Ecologia – Regione Campania; Costantino D’Antonio, naturalista, LIPU; Davide Zeccolella, naturalista, LIPU; Pasquale Raia, veterinario ASL Napoli 1 terranno un dibattito su “Uccelli marini del golfo di Napoli”. per spiegare, tra curiosità ed immagini, la ricchezza e le peculiarità della fauna ornitica nostrana. In occasione dell’intervento sarà presentato e distribuito al pubblico l’opuscolo “Gabbiano corso e altri uccelli marini del Tirreno campano”. Al dibattito seguirà l’osservazione dal vivo dei gabbiani, con apposita strumentazione da birdwhatcher, sul lato mare del Science Centre.
La giornata sarà ricca di incontri ed attività: i naturalisti della LIPU ci introdurranno al mondo dei gabbiani illustrando l’etologia delle specie osservate; con gli “Assaggi di Scienza” esploreremo la “fisica del volo” con una serie di dimostrazioni scientifiche per comprendere i principi alla base del volo, svelandone la complessità.
Per i più piccoli non mancheranno laboratori didattici a tema per divertirsi e avvicinarsi al mondo dell’ornitologia.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©