Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Lo studio pubblicato sulla rivista Mucosal Immunology

Scoperto “interruttore” delle allergie grazie ad uno studio


Scoperto “interruttore” delle allergie grazie ad uno studio
29/03/2012, 19:03

MILANO - Un gruppo di ricercatori americani del Cincinnati Children’s Hospital Medical Center ha identificato un nuovo meccanismo che scatena numerose allergie, in particolare le forme collegate alla produzione eccessiva di una proteina chiave delle risposte immunitarie, l’interleuchina-3 (IL-3).
Un passo avanti,dunque, nella comprensione e nella cura dell’asma allergica e dell’esofagite eosinofila EoE, una grave allergia alimentare che impedisce ai bambini colpiti di assumere diversi cibi, ostacolandone la crescita e lo sviluppo.
Lo studio, pubblicato sulla rivista Mucosal Immunology, ha individuato in un frammento di materiale genetico - un microRna chiamato miR-375 – definito una sorta di “interruttore” delle allergie: se in risposta all’IL-3 le cellule di polmone ed esofago ne fabbricano troppo poco, l’attività allergica aumenta.
Per gli autori, il miR-375 rappresenta dunque una firma genetica di asma allergica ed EoE. In altre parole, i suoi livelli possono essere considerati un indicatore-spia utile a misurare l’attività allergica nei pazienti.
La ricerca apre anche a nuove speranze di cura, perché modificando l’espressione del miR-375 si riuscirebbe a controllare anche la risposta immunitaria all’IL-3, e bloccare, di conseguenza, l’allergia.
“L’identificazione di un microRna che regola i meccanismi infiammatori scatenati dall’IL-3, e i cambiamenti cellulari indotti da questa proteina nelle mucose di polmone ed esofago - spiega Marc E. Rothemberg, autore senior dello studio, direttore della Divisione di allergia e immunologia e del Centro disturbi eosinofili dell’ospedale di Cincinnati - è una conquista significativa per la comprensione e il trattamento futuro delle malattie allergiche”. Secondo l’esperto, infatti, la scoperta del ruolo di miR-375 “apre una serie di nuove possibilità nella ricerca di bersagli terapeutici anti-allergia”.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©