Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Tre versioni per soddisfare le esigenze di famiglia

Seat Altea 2009: la monovolume di stile


Seat Altea 2009: la monovolume di stile
01/04/2009, 11:04

La familiare più dinamica e sportiva del mercato assume un nuovo carattere. La gamma Altea 2009 si presenta con rinnovato entusiasmo e tutta una serie di miglioramenti destinati ad aumentare l'appeal delle sue versioni. Il design degli esterni, gli interni, l'equipaggiamento e l'ampia gamma di motorizzazioni fanno della sorella maggiore della Leon la scelta ideale per le famiglie sempre in movimento.

Anche in questo caso, i tratti distintivi sono da ricercare soprattutto nel frontale e nel posteriore. Lungo la fiancata, invece, spiccano i cerchi e gli specchietti retrovisori dal design rivisitato.

Nella parte anteriore colpisce innanzitutto la nuova calandra, con il logo SEAT più piccolo e un profilo cromato più discreto. La linea del paraurti anteriore è più tesa mentre la nuova presa d’aria, ora di forma trapezoidale, risulta più accentuata. Nuovi anche i fari che, essendo più grandi, rendono più affilato e ampio il frontale della vettura. Grazie a queste modifiche è stato anche possibile integrare dispositivi quali il sistema AFS con luce diurna, i fendinebbia con funzione “cornering” e i sensori di parcheggio anteriori.

Prendendo posto all'interno della Altea 2009, si notano immediatamente i numerosi cambiamenti. Il volante, i comandi, il quadro strumenti, la consolle centrale, le finiture e i sedili presentano tutti un nuovo look, rendendo l'abitacolo un ambiente decisamente moderno, sportivo e sofisticato, in cui guidatore e passeggeri possono viaggiare all'insegna del massimo comfort.

L’assieme costituito dal volante multifunzione e dal piantone dello sterzo è totalmente nuovo. I comandi sono stati ottimizzati per assicurare così la massima semplicità di azionamento. Nuove anche la regolazione delle luci e del sistema Climatic, rifinite in color Argento galena come il logo sullo sterzo. Questa stessa tonalità si ritrova anche nei diffusori del sistema di aerazione, a eccezione delle versioni base e Reference, che presentano la combinazione Grigio Cometa e Nero Persia. Per la Altea e la Altea XL, i Clienti potranno anche scegliere i “light colours”, ovvero il Beige Arena in combinazione con un elegante color zinco.

Come nella nuova Leon, l'introduzione del Diesel “common rail”, del motore a benzina 2.0 TSI 211 CV (nella freetrack) e del cambio DSG a 7 rapporti per il 1.8 TSI costituiscono le principali novità di tipo meccanico della gamma. Ma l'offerta va anche oltre, in quanto il Cliente può scegliere tra cinque propulsori a benzina e quattro Diesel, innovativi sotto ogni aspetto, soprattutto quanto a prestazioni e riduzione di consumi ed emissioni.

La grande novità è rappresentata dall'introduzione del “common rail”. Il propulsore base è il 2 litri 4 cilindri del Gruppo Volkswagen che eroga una potenza di 170 CV (125 kW). Gli iniettori piezoelettrici permettono un'iniezione più precisa, mentre il “common rail” conferisce al sistema una maggiore flessibilità. Di conseguenza i consumi di carburante e le emissioni risultano più bassi, le vibrazioni minori e l'isolamento acustico migliore; il tutto senza compromettere le prestazioni. Questi i dati nello specifico: coppia massima di 350 Nm tra 1.750 e 2.500 giri, consumi nel ciclo combinato di 5,6 l/100 km ed emissioni di CO2 di 146 g/km. Questo motore è disponibile per tutte le versioni: Altea, Altea XL e Altea freetrack 4WD.

Se, con la nuova SEAT Leon, uno degli obiettivi posti era ottenere un livello superiore di comfort senza tradire il carattere sportivo del modello, nella gamma Altea e Altea XL questo è diventato un'assoluta priorità. Poiché la gamma Altea si rivolge principalmente alle famiglie, l'intento dei tecnici era quello di garantire la massima comodità a bordo, senza però eliminare il carattere dinamico che, da sempre, distingue la SEAT.

Il lavoro si è concentrato, quindi, sul miglioramento del comfort per gli occupanti. Per farlo si è intervenuto su due precisi aspetti: la modifica delle tarature degli ammortizzatori ottimizzando le valvole idrauliche e la ridistribuzione delle lunghezze dei supporti del motore. Grazie a questi interventi, la Altea e la Altea XL si sono trasformate in vetture più confortevoli, pur mantenendo le eccellenti qualità dinamiche che da sempre le distinguono.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©
LE ALTRE FOTO.