Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Bertolaso potrebbe essere denunciato per procurato allarme

Sindaco di Ischia contro Bertolaso per l'allarme eruzione


Sindaco di Ischia contro Bertolaso per l'allarme eruzione
29/04/2010, 11:04

NAPOLI - "L' Osservatorio vesuviano non rileva alterazioni dellle condizioni del territorio interessato. Bertolaso fornisca i dati scientifici in suo possesso o potremo denunciarlo per procurato allarme". Così ha commentato il sindaco di Ischia, Giuseppe Ferrandino, quanto detto alcuni giorni fa dal capo della Protezione Civile a proposito dei rischi legati ai vulcani presenti sull'isola. Generando un' allarmismo che potrebbe avere gravi ripercussioni sul settore turistico e che ha già provocato alcune disdette di prenotazioni turistiche, Bertolaso, infatti, ha parlato dell'isola di Ischia come del "vulcano col colpo in canna", facendo riferimento alla camera magmatica che si sta caricando nel monte Epomeo, la quale potrebbe esplodere da un momento all'altro. Queste rischi, tuttavia, sono stati smentiti da Enzo Boschi, il presidente dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, secondo cui il monte Epomeo "non può essere considerato un vulcano: è un deposito tufaceo che si è formato in seguito alle eruzioni". La Protezione Civile, allora, controbatte: "Apprendiamo con una certa sorpresa da Boschi che il monte Epomeo non sarebbe un vulcano, sebbene lo sia l'isola di Ischia, citata nell'elenco dei principali vulcani italiani proprio sul sito dell'Ingv". E' intervenuta anche la vulcanologa dell'Università di Napoli Federico II, Lucia Civetta, che concorda con Boschi dal momento che, data la modestia dell'ultima eruzione dei vulcani ischitani, risalente al 1302, e la stabilizzazione dell'attività sismica degli ultimi decenni, "non si può ipotizzare un pericolo immediato". Piuttosto la situazione preoccupante, a detta della vulcanologa, sarebbe quella dei Campi Flegri, dove due crisi bradisismiche avrebbero manifestato i segni di ripresa. L'allarme pare eccessivo anche al professor Vincenzo Morra, direttore del dipartimento di Scienze della Terra dell'Univeristà di Napoli Federico II. Anche la Iervolino definisce "un'esagerazione" l'allarmismo sulla questione Vesuvio. Il neoeletto presidente della Regione Stefano Caldoro interviene: "Il rischio è noto e tocca a noi lavorare per prevenirlo. E' in questa direzione che va il segnale di Bertolaso". Ma da Vincenzo Schivo, presidente della Confesercenti ed Assoviaggi Campania, arriva un messaggio chiaro: allarmismi del genere non sono che pubblicità negativa per il turismo.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©