Cyber, scienza e gossip / Gossip

Commenta Stampa

Comportamento del giudice non gradito a vertici Sky

Sky contro Arisa. Addio a X Factor


Sky contro Arisa. Addio a  X Factor
29/11/2012, 17:18

Arisa nell’occhio del ciclone. Sky, il canale che trasmette il Talent, proprio non ha gradito l’accesa discussione tra la cantante e Simone Ventura  nel corso dell’ultima puntata andata in onda giovedì scorso. Secondo Nils Hartmann, Direttore Produzioni Originali Sky Arisa ha toppato, nei modi e nella sostanza”.
Sempre secondo Hartmann, il giudice di X Factor ha oltrepassato i limiti imposti dal programma, stravolgendo la trasmissione e trasformandola da talent a reality.
Insomma il comportamento del giudice non è stato gradito dai vertici di Sky che hanno difeso il meccanismo della trasmissione dalle accuse di Arisa riguardo al fatto che il televoto potesse essere truccato e facendo capire che il rapporto professionale con la cantante termina qui.
Da parte sua Arisa non ha potuto far altro che incassare il colpo, cercando almeno di giustificare le sue dichiarazioni. Durante un’intervista rilasciata a Tv Sorrisi e Canzoni ha dichiarato “Non sono fatta per la tv” lasciando intendere che il prossimo anno lascerà il piccolo schermo e non parteciperà ad X Factor.
Le discussioni tra i giudici però non sono certo una novità all’interno del programma. Già dalle prime puntate, infatti, Arisa aveva avuto un’accesa discussione con la Ventura accusandola di essere incompetente da un punto di vista musicale per ricoprire il ruolo di giudice. Poi si era scusata, ma le sue intemperanze erano continuate.
Prima si era punzecchiata con Elio e poi aveva accusato di falsità Simona Ventura. Le sue scuse, in seconda battuta, stavolta non erano state sufficienti visto che SuperSimo ha dichiarato di infischiarsene di quanto era accaduto in trasmissione riferendosi alla collega-giudice. Potrebbe anche essere stata l’ingerenza di Simona Ventura a infiammare i vertici Sky anche se i toni accesi di Arisa potrebbero essere stati sufficienti. 

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©