Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Si attende l'autorizzazione da parte della Regione Marche

SM: Zamboni presenta a Civitanova la cura sperimentale


SM: Zamboni presenta a Civitanova la cura sperimentale
05/06/2010, 21:06

CIVITANOVA MARCHE – Ormai manca soltanto l’autorizzazione da parte della Regione Marche per la partenza ufficiale della cura sperimentale alla sclerosi multipla ideata e presentata stamattina a Civitanova Marche dal chirurgo e scienziato ferrarese Paolo Zamboni. Lo studio condotto dallo stesso Zamboni ha rilevato un certo legame tra l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale (CCSVI) e la sclerosi multipla. Pertanto la terapia, basata su dati statistici secondo i quali oltre il 60% dei pazienti affetti da sclerosi multipla presenta un restringimento dei vasi sanguigni, consiste in un intervento volto a combattere l’ostruzione delle vene, che può essere rilevata attraverso un semplice ecodoppler. Un intervento del genere permetterebbe un migliore drenaggio del sangue al cervello e, di conseguenza, una riduzione delle anomale quantità di ferro caratteristiche della patologia. Per quanto riguarda le precedenti sperimentazioni del trattamento effettuate da Zamboni e poi da Salvi ci sono risultati incoraggianti, a cui vanno aggiunti i dati provenienti da diverse parti del mondo (Usa, Canada, Polonia, Giordania…) a sostegno della tesi del chirurgo ferrarese. Francesco Tabacco, il presidente dell’associazione CCSVI nella SM, ritiene che sia necessario procedere celermente, senza permettere che, in presenza di una scoperta così importante, i pazienti attendano ancora.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©