Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

La relazione del Comitato nazionale di bioetica

Stop alla chirurgia estetica per sindrome di Down


Stop alla chirurgia estetica per sindrome di Down
09/07/2012, 18:07

Il Comitato nazionale di bioetica (Cnb) ha posto un veto agli interventi chirurgici a fini estetici per le persone affette dalla sindrome di Down. E' stato chiarito nella relazione "Aspetti bioetici della chirurgia estetica e ricostruttiva". Il Cnb "non ritiene lecita la chirurgia estetica su bambini o adulti incapaci con sindrome di Down, finalizzata alla conformazione a canoni sociali di 'normalità', specie se con un carattere invasivo e doloroso, considerato anche che con questi interventi difficilmente si realizza un beneficio per la persona".
Gli interventi su queste persone dovranno essere limitati e riservati "al loro esclusivo interesse oggettivo sotto il profilo della salute, tenuto in particolare conto dell'età adolescenziale. Va anche garantita una protezione dei minori vietando forme di pubblicità e di servizi televisivi che provochino il rifiuto della propria immagine". Per il comitato va promossa "un'adeguata informazione e formazione sociale sui rischi e benefici degli interventi estetici, un maggiore rigore nella formazione e nella professionalità del chirurgo estetico, mirata anche alla comprensione degli aspetti psicologici ed etici connessi alla specifica attività medica".

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©