Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

STUDENTI DI MUSICA, CERVELLO PIU' PRECISO ED EFFICIENTE


STUDENTI DI MUSICA, CERVELLO PIU' PRECISO ED EFFICIENTE
04/07/2008, 16:07

L'esercizio e lo studio della musica non rende più intelligenti, ma fa sicuramente bene al cervello. Lo rende più veloce, preciso, efficiente. Lo hanno dimostrato scienziati riuniti nei giorni scorsi a Montreal, al congresso "Neuroscienze e Musica. Disordini e Plasticita", organizzato dalla Fondazione Mariani di Milano.

In particolare, Sylvain Moreno e Glenn Schellenberg, della York University di Toronto, hanno svolto uno studio per valutare l'influenza dell'esercizio musicale sulla mente. 108 tra bambini e ragazzi, alcuni studenti di musica e altri no, sono stati sottoposti a una serie di test psicologici. Dalle valutazioni dei due scienziati è emerso che la musica non fa crescere l'intelligenza, ma la capacità di risolvere i problemi: quell' insieme di abilità che gli psicologi chiamano funzioni esecutive, comprendenti la pianificazione delle azioni, l'attenzione e il controllo dell'impulsività.

Altre due ricerche hanno confrontato musica e linguaggio. Ed é emerso che l'esercizio delle lingue straniere, come quello con tasti e spartiti, migliora attenzione, memoria, lettura e apprendimento. In particolare sono stati messi a confronto gruppi di bambini bilingue con bambini monolingua e bambini musicisti e valutati poi i comportamenti dei giovani adulti. Risultato: non si sono rilevate differenze significative nei risultati dei test di intelligenza, ma in particolari compiti visivi e uditivi in cui era importante una buona pianificazione i musicisti se la cavavano decisamente meglio.

Commenta Stampa
di Giulio d'Andrea
Riproduzione riservata ©

Correlati