Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Studio Oms, le politiche antifumo salveranno 7mln di vite


Studio Oms, le politiche antifumo salveranno 7mln di vite
01/07/2013, 18:19

WASHINGTON - Le misure di controllo del tabacco varate negli ultimi anni riusciranno a prevenire 7,4 milioni di morti entro il 2050. Lo rivela uno studio dell'Organizzazione mondiale della sanità che analizza gli interventi in 41 Paesi tra il 2007 e il 2010.

Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità ogni anno circa sei milioni di persone muoiono a causa del fumo di sigaretta e il numero è destinato a crescere fino a otto milioni da qui al 2030.

Si tratta di una delle prime ricerche condotte con lo scopo di valutare gli effetti delle politiche antifumo da quando la Convenzione quadro dell'Oms sul controllo del tabacco è stata istituita nel 2005. Nei Paesi presi in considerazione dallo studio ci sono circa 290 milioni di fumatori (dati 2007) su un miliardo circa di abitanti.

"E' una scoperta spettacolare che mediante l'attuazione di queste semplici politiche di controllo del tabacco, i governi possano salvare così tante vite", spiega l'autore principale del rapporto, David Levy, docente di Oncologia al Georgetown Lombardi comprehensive cancer center di Washington. 

La messa in pratica di tali politiche in molti Paesi, tra cui l'Italia, porterà ben 15 milioni di persone a smettere di fumare. Tra i provvedimenti giudicati più efficaci dall'Oms c'è l'aumento delle tasse: secondo le stime i rincari delle sigarette possono far diminuire il numero dei decessi di circa 3,5 milioni. Nell'elenco delle misure che danno i risultati migliori seguono le leggi che proibiscono il fumo in luoghi pubblici e i messaggi sui pacchetti.


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©