Cyber, scienza e gossip / Gossip

Commenta Stampa

La conduttrice si racconta a Diva e donna

Susanna Petrone: “Con Plein è finita. Aspetta un figlio da un’altra”


Susanna Petrone: “Con Plein è finita. Aspetta un figlio da un’altra”
17/04/2013, 18:43

È durata solo 3 mesi ma è stato abbastanza per seguirlo ovunque ma ora è finita. Susanna Petrone a Diva e donna racconta la fine della sua storia d’amore con Philip Plein, 34 anni.
"Con Philipp è stata una bella storia, intensa, vissuta giorno per giorno. Speciale, soprattutto perché mi ha sempre resa partecipe della sua quotidianità e del suo lavoro che mi affascina molto: mai giornate monotone. Sempre in viaggio tra Parigi, Instanbul, Berlino,racconta  l'ex conduttrice di "Guida al campionato. Ci siamo divertiti moltissimo. E quando abbiamo avuto qualche discussione, poi finiva comunque con una risata: il mio inglese diventava una sceneggiata napoletana! All'inizio ero davvero innamorata, poi ho fatto una scelta. Non sono rimasta certo indifferente quando lui mi ha detto che aspetta un figlio da un'altra ragazza. Ci ho riflettuto molto, a lungo, fin dal primo giorno. Diventare padre è una cosa seria, ti cambia la vita. E poi, per uomo, io voglio essere unica". La bella conduttrice, a quel punto, non ha potuto far altro che lasciarlo anche se non pensa assolutamente che nel periodo insieme lo stilista l'abbia tradita. Segreto, almeno per ora, il nome della ragazza che aspetta un figlio dallo stilista, ha confidato la gravidanza solo agli amici più cari, ma era impossibile andare avanti. Niente ferite da leccare, però. Pensa al futuro, dopo lo sport le piacerebbe un programma sulla salute e il benessere. Quanto agli uomini, il suo ideale rimane quello di sempre: "Qualcuno che mi faccia sentire importante. ma non mi accontento. Le mie amiche, adesso che sono tornata single, fanno a gara a presentarmi uomini. Ma... tutti scartati! Mi dicono: ‘ E' un bravo ragazzo ‘. E io: ‘ Ho già capito, non mi piace! ‘. E loro:    ‘ Quanto sei difficile, Susanna!’ ".

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©