Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Terra dei Fuochi, Fedagri Campania lancia iniziativa 'Dalla buona Terra'


Terra dei Fuochi, Fedagri Campania lancia iniziativa 'Dalla buona Terra'
11/11/2013, 11:21

NAPOLI - La problematica scaturita a seguito dello scandalo della "Terra dei fuochi" ha fortemente sensibilizzato l’opinione pubblica e tale scottante tema ha portato i vari attori della filiera alimentare in Campania ad interrogarsi su come fosse possibile esprimere un forte e credibile segnale di rilancio del comparto.

Fedagri-Confcooperative Campania, in collaborazione con la struttura nazionale, si è quindi rivolta a professionisti esterni e a realtà leader nel settore della certificazione per trovare una via riconosciuta e trasparente per dare ai produttori campani la possibilità di dimostrare la sicurezza in termini analitici dei propri prodotti coltivati in territori non coinvolti dal problema.
I vari attori individuati stanno discutendo sulla fattibilità di un progetto che unisca il controllo degli operatori agricoli sia sotto il profilo documentale (relativamente ai sistemi di rintracciabilità), sia sotto il profilo analitico (con l'intervento di campionamenti mirati e di laboratori accreditati), sia attraverso ispezioni presso le parti rilevanti della filiera. 
L'intento di tale iniziativa, denominata "Dalla buona Terra", è quello di poter dimostrare l'assenza di tutti quegli elementi nocivi incriminati nell’area della "Terra dei Fuochi" e poter rilasciare un certificato di conformità.

Fedagri quindi si farà garante in prima persona di tale marchio di qualità rilasciando la certificazione una volta che il processo di controllo avrà dato esito favorevole. Fedagri sta vagliando insieme a Bureau Veritas, ente internazionale di terza parte indipendente, le prossime tappe di implementazione del progetto, valutandone possibili procedure e definendo eventuali ruoli e responsabilità.

Nei prossimi giorni verranno definiti dettagli tecnici con la definizione dei precisi ruoli delle parti coinvolte.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©