Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

Terra dei fuochi, Scipio (Ugl): Min. De Girolamo rinforzi organico Corpo Forestale


Terra dei fuochi, Scipio (Ugl): Min. De Girolamo rinforzi organico Corpo Forestale
31/10/2013, 11:09

ROMA - “Chiediamo al ministro De Girolamo di attivarsi in ogni sede per dare un adeguato riscontro alla forte richiesta di sicurezza e di legalità che proviene dalla cosiddetta ‘Terra dei fuochi’, anche rinforzando l’organico delle strutture operative di quei territori e creando una task force che si occupi in via esclusiva o prevalente del fenomeno dei roghi tossici”.
Lo dichiara il segretario nazionale dell’Ugl Corpo Forestale dello Stato, Danilo Scipio, che oggi ha partecipato a Napoli, insieme alla segreteria campana della Federazione, ad un’assemblea con il personale “per valutare soluzioni tangibili ad una problematica di gravissimo allarme sociale che interessa il territorio ricadente nelle province di Caserta e di Napoli, assurto alle cronache recenti per il fenomeno criminale dei roghi tossici, che si perpetra quotidianamente e che vede cumuli di rifiuti di ogni genere e specie dati alle fiamme, con evidenti ripercussioni sull’ambiente e sulla salute pubblica dei cittadini, sulle produzioni locali e quindi sull’economia”.
“Davanti allo scempio di un’enorme discarica di circa 200 mila metri cubi di veleni interrati, a diretto contatto con la falda acquifera, sequestrata dal Corpo forestale dello Stato, il ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali ha dichiarato di voler rinforzare l’organico delle strutture operative di quei territori, ma – sottolinea il sindacalista - a tutt’oggi nulla di concreto è stato ancora fatto al riguardo”.
“Nell’immediato – propone Scipio – il potenziamento si potrebbe realizzare attraverso l’assegnazione dei futuri vice sovrintendenti, oggi in formazione, che prestavano servizio nelle provincie di Napoli e Caserta, facendoli rientrare nelle sedi di provenienza in considerazione delle preziose conoscenze che gli stessi hanno del territorio, nonché di far ricorso al personale di origine campana che svolge servizio al Nord, interessato a rientrare in quei territori”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©