Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Toyota festeggia l’inizio della produzione della nuova Auris presso l’impianto di Burnaston, Regno Unito


Toyota festeggia l’inizio della produzione della nuova Auris presso l’impianto di Burnaston, Regno Unito
09/11/2012, 11:13

Le attività di Toyota nel Regno Unito raggiungono un nuovo traguardo, con l’inizio ufficiale della produzione di Auris presso l’impianto di Burnaston. Vince Cable, Segretario di Stato per l’economia e l’innovazione, ha applaudito i continui investimenti da parte di Toyota nelle attività in territorio britannico, che a breve includeranno anche la produzione, all’interno dello stesso impianto, della nuova Auris Touring Sports.

 

 

Didier Leroy, Presidente e CEO di Toyota Motor Europe, ha sottolineato l’importanza del Regno Unito per la strategia europea di produzione: “Dopo aver scelto il Regno Unito come il luogo in cui inaugurare il nostro primo centro di produzione europeo, da 20 anni a questa parte abbiamo investito regolarmente nello sviluppo dell’impianto TMUK e nell’ampliamento delle sue potenzialità.”

 

“La nuova Auris è un veicolo estremamente importante per la nostra strategia europea. Prevediamo il rafforzamento dei livelli di vendite sul mercato delle ‘family car’. Si tratta di una proposta unica nel suo genere, con la disponibilità di varianti benzina, diesel e full hybrid sia nella versione classica che Touring Sports.”

 

“I nostri dipendenti TMUK presso gli impianti di Burnaston e Deeside continuano a dimostrare le proprie capacità nella produzione di veicoli e motori di straordinaria qualità ed efficienza. Queste capacità sono fondamentali per la costruzione di una presenza competitiva sul mercato. Grazie al nuovo investimento, siamo lieti di poter annunciare l’incremento della forza lavoro presso TMUK e la creazione di nuovi post di lavoro tra i nostri fornitori.”

 

La decisione di costruire le nuove varianti Auris presso l’impianto di Burnaston è stata resa possibile grazie a un investimento totale di circa 185 milioni di sterline (ca. 230 milioni di Euro), 85 dei quali (ca. 105 milioni di Euro), destinati alla catena di distribuzione. Questo porta l’investimento Toyota nel Regno Unito a un totale di oltre 2,1 miliardi di sterline (2,6 miliardi di Euro) dal 1992. Il progetto prevede inoltre l’incremento della forza lavoro, con l’assunzione da parte di TMUK di 800 dipendenti a tempo determinato, ai quali è stato inoltre offerto un periodo di apprendistato.

 

Queste le parole di Tony Walker, Vice Direttore Generale di TMUK: “Oggi è una grande giorno per TMUK. L’inizio della produzione di Auris qui a Burnaston è la conferma dei traguardi ottenuti dai nostri dipendenti nella realizzazione di uno degli impianti di produzione migliori al mondo. Il nuovo investimento da parte di Toyota è per noi una grande dimostrazione di fiducia, un attestato di stima, non soltanto per TMUK, ma per l’intero settore automobilistico britannico.”

 

“Parlando dei nostri dipendenti, sono fiero di come stiamo riuscendo a dimostrare il nostro impegno nella realizzazione di uno staff qualificato, offrendo a tutti l’opportunità di sfruttare un periodo di apprendistato dei metodi Toyota. Questo rappresenta per noi un continuo sviluppo in favore del settore automobilistico.”

 

La nuova Auris e la nuova Auris Touring Sports sono costruite a Burnaston accanto ad Avensis. Si tratta degli ultimi modelli entrati a far parte della nostra linea di produzione dal 1992. La maggior parte dei modelli prodotti da TMUK, Auris inclusa, viene esportata in Europa.

 

Nel 2010, con Auris Hybrid, Burnaston è stato il primo impianto in Europa a produrre un modello ibrido destinato al mercato, per questo è stato scelto per costruire anche le versioni benzina, diesel e full hybrid della nuova Auris e di Auris Touring Sports. Alcuni dei motori installati sulla nuova Auris, come la potente unità 1.8 della variante ibrida, saranno forniti dall’impianto di Deeside. Trattandosi di uno dei diversi impianti ecologici di Toyota, Burnaston continua a mettere in pratica efficaci misure ambientali, che nel tempo hanno ridotto sensibilmente i livelli di emissioni e gli sprechi, consentendo allo stesso tempo un notevole risparmio energetico.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©