Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Eseguito dal prof.Boggi, è il primo in Europa

Trapianto di rene con robot chirurgico


Trapianto di rene con robot chirurgico
20/07/2010, 18:07

PISA - Per la prima volta in Europa, lo scorso 3 luglio è stato effettuato a Pisa un trapianto di rene con tecnica robotica e mini invasiva. L'intervento è stato eseguito dal prof. Ugo Boggi, 45 anni, direttore dell'unità di Chirurgia Generale e Trapianti dell'azienda ospedaliera universitaria pisana, che ha utilizzato la versione più recente del robot chirurgico Da Vinci. L'intervento, che ha visto il trapianto di un rene donato da una donna di 57 anni a sua figlia, una 37enne affetta da insufficienza renale cronica, è stato eseguito praticando tre incisioni millimetriche, necessarie all'introduzione degli strumenti robotici, ed una quarta incisione di soli 5 cm sopra la zona pubica, per introdurre l'organo. Questa tecnica, che permette di eseguire operazioni complesse praticando piccole incisioni simili a quelle che vengono utilizzate per applicare la tecnica laparoscopica, è una vera e propria novità per l'Europa. Fino ad ora operazioni del genere erano state effettuate soltanto negli Usa, al Saint Barnaba Medical Centre, nel New Jersey, e alla Università dell'Illinois, a Chicago. A detta di Boggi l'operazione, durata circa due ore, è perfettamente riuscita. Il rene ha iniziato a funzionare subito, liberando la donna dalla schiavitù della dialisi, a cui doveva sottoporsi tre volte alla settimana. Uno dei maggiori vantaggi della chirurgia robotica mini invasiva consiste nella straordinaria rapidità del docorso post-operatorio dell'intervento: Boggi ha spiegato che, se non fossero state necessarie le terapie anti-rigetto del primo periodo a seguito del trapianto, la paziente avrebbe potuto lasciare l'ospedale anche dopo sole 48 ore.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©