Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Università del Michigan: lavarsi può portare allergie

Troppa pulizia? Nuoce gravemente alla salute dei bimbi


Troppa pulizia? Nuoce gravemente alla salute dei bimbi
30/11/2010, 18:11

Siete fin troppo zelanti nei confronti dei vostri pargoli? Prendete che si lavino più volte al giorno pur di eliminare qualsiasi cattivo odore. Sbagtliato. Troppa igiene, infatti, nuoce alla salute, e ai bambini può finanche provocare fastiodissime allergie. A sostenerlo è un gruppo di studiosi della School of Public Health dell'Università del Michigan. Alla "gogna" finisce la sovraesposizione al triclosan, una sostanza presente in molti saponi antibatterici, dentifrici e dispositivi medici. Già precedenti studi sugli animali, spiegano i ricercatori, dimostrano che il triclosan può influenzare il sistema immunitario: questo è il primo studio a guardare gli effetti dell'esposizione alla sostanza sugli esseri umani.
Utilizzando i dati del National Health and Nutrition Examination Survey raccolti tra il 2003 e il 2006, i ricercatori hanno confrontato la presenza del triclosan nelle urine con le diagnosi di allergia o febbre da fieno - usate come marcatori di alterazioni immunitarie - in un campione di soggetti americani dai 6 anni in su: i ricercatori hanno scoperto che le persone con i livelli più elevati di triclosan, soprattutto se in giovane età, avevano più probabilità di vedersi diagnosticata una qualche allergia.
"I risultati ottenuti sostengono l'ipotesi secondo cui ambienti molto puliti e igienici possono avere un impatto sulla nostra esposizione a microrganismi benefici per lo sviluppo del sistema immunitario", spiega Allison Aiello, principale autore dello studio pubblicato su Environmental Health Perspectives. Ma è anche possibile, spiegano i ricercatori, "che gli individui allergici siano più puliti a causa della loro condizione, e che il rapporto che abbiamo osservato sia, quindi, non causale o sia un esempio di causalità inversa".

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©