Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

In una sola notte può eliminare fino a 2000 zanzare

Troppe zanzare? Difenditi adottando un pipistrello


Troppe zanzare? Difenditi adottando un pipistrello
27/05/2011, 10:05

Sta per arrivare l'estate e, come tutti sanno, ritorna l'incubo delle zanzare. Anche senza parlare della zanzara tigre, bastano quelle domestiche per dare fastidio di notte, ma anche al mattino, dato che le punture provocano prurito. E i moderni ritrovati scientifici (insetticida, fornellini, ecc.) hanno una capacità limitata. Allora, cosa fare? Il Museo Naturale di Firenze, in collaborazione con la Coop Italia, dal 2006 offre una soluzione: un "bat-box", cioè una scatola per pipistrelli. Si tratta di un ricovero diurno per il pipistrello (acquistabile o fabbricabile secondo le istruzioni date dal sito dello stesso Museo) da collocare su un albero nei pressi della casa o sotto al tetto, ad almeno 4 o 5 metri da terra. Se il luogo è ben scelto (non deve essere troppo vicino, perchè il pipistrello ha paura dell'uomo), ci sarà qualche animale che verrà presto ad abitarlo. E sarà il miglior insetticida. Un pipistrello del peso di 20 grammi ha bisogno ogni notte di un numero di insetti enorme: fino a 2000 zanzare o 10 mila moscerini; meno se prende scarafaggi o altri insetti di grosse dimensioni. In questa maniera lui farà un favore agli esseri umani, liberando l'area dagli insetti; in cambio avrà un posto dove stare, cosa meno facile di quanto si pensi, dato che gli esseri umani stanno distruggendo il loro habitat. Infatti in Italia ci sono 35 specie di pipistrelli, e tutte sono minacciate nella loro esistenza.
Infatti molti associano i pipistrelli ad elementi negativi: il pipistrello come trasformazione di Dracula; oppure il suo aspetto alquanto brutto. Ma in realtà compiono la notte quello che le rondini compiono di giorno: una vera e propria strage di insetti. Una persona che in campagna avesse vicino alla propria casa un nido di rondini e la tana di un pipistrello o due, avrebbe difficoltà a sentire la presenza di insetti vicino a sè: prima di arrivare dovrebbero superare uno sbarramento naturale ma invalicabile.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©