Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

I denti erano lunghi 36 centimetri

Trovate le ossa di una balena carnivora lunga 18 metri


Trovate le ossa di una balena carnivora lunga 18 metri
01/07/2010, 16:07

PERU' - In Perù, in un territorio desertico a 35 chilometri dalla città di Ica, è stato ritrovato il fossile (in realtà solo il teschio e alcuni denti) di una specie marina, estinta da tempo. Si tratta di un antenato delle moderne balene, chiamato "Leviathan melvillei" (dal nome dello scrittore Herman Melville, colui che ha scritto il celebre romanzo "Moby Dick"), lungo - secondo le stime - dai 12 ai 18 metri. Ma a differenze delle balene o dei capodogli, che mangiano il plancton ed altri piccoli animaletti marini, filtrando l'acqua attraverso i loro particolari denti, detti fanoni, questo animale mangiava qualcosa di decisamente grosso. Infatti i denti che sono stati ritrovati hanno una lunghezza di 36 centimetri e un diametro alla base di 12 centimetri. Ma all'epoca dovevano lottare con predatori come gli antenati dei moderni squali, che avevano lunghezze intorno ai 15 metri ed una bocca altrettanto armata di potentissimi denti.
Ma il Leviathan melvillei non è il cetaceo più grande mai esistito. Prima di lui, circa 40 milioni di anni fa, c'è stato il Basilosaurus, che arrivava ad una lunghezza di 25 metri e aveva denti di mezzo metro.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©