Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Grazie a questi nuovi strumenti i tempi saranno più brevi

Tumori: a Milano presentata la radioterapia intelligente


Tumori: a Milano presentata la radioterapia intelligente
22/02/2010, 20:02

MILANO – Nuove tecnologie per alleviare il disagio ai pazienti colpiti da tumori. Infatti i malati di cancro sono sottoposti a moltissimi esami che spesso sono altrettanto pericolosi per la salute, come la continua esposizione ai raggi x
All’Istituto Europeo di Oncologia di Milano sono stati inaugurati  due nuovi macchinari super tecnologici, che permettono di ridurre drasticamente i tempi di una radioterapia, passando dalle classiche 6-8 settimane ad appena 15 giorni. Grazie a questi gioielli, i pazienti affetti da tumori potranno limitare l’esposizione ai raggi x, salvaguardando il proprio organismo. Dotati di una sorta di mirino, le apparecchiature saranno in grado di colpire con la massima precisione i tessuti malati, salvaguardando quelli sani. Si riducono anche i tempi per ogni singola seduta; non più 8-6 minuti, ma 1-2. Il Direttore Scientifico dello IEO, Umberto Veronesi, ha affermato che bisogna “mirare al massimo i trattamenti per limitare al minimo la tossicità delle cure. Nella radioterapia la tecnologia ci ha dato una grossa mano e i risultati sono straordinari. Il ruolo della radioterapia è quindi in pieno sviluppo e lo sarà sempre di più in futuro”. E aggiunge: “inizieremo al più presto una grande sperimentazione clinica che confronti queste macchine con quelle tradizionali. Ci aspettiamo certamente un miglioramento, comunque dobbiamo verificarne la quantità”. Tali attrezzature, oltre ad avere il pregio di diminuire i tempi delle terapie curative, sono considerate “intelligenti”, in quanto distruggono i carcinomi senza produrne altri. Secondo uno studio americano, infatti, circa un terzo dei tumori diagnosticati negli Stati Uniti sarebbero causati proprio dall’esposizione prolungata a raggi x e Tac. Attualmente i macchinari sono soltanto due: Accoboost per la mammografia e TrilogyTM System per le radioterapie più avanzate

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©