Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Tumori: al Pascale di Napoli arriva il "misuradolore"


Tumori: al Pascale di Napoli arriva il 'misuradolore'
24/05/2010, 10:05


NAPOLI - Arriva per la prima volta in Campania il misuradolore, un apparecchio che funziona più o meno come un termometro: grazie ad una scala graduata da 0 a 10, misura non la febbre ma il grado di dolore percepito. A partire dal 28 maggio questo nuovo dispositivo sarà in dotazione del Pascale e dal 31 maggio potrà essere distribuito a tutti gli ammalati di tumore, aiutandoli a comunicare la propria sensazione dolorosa al medico che avrà utili indicazioni per definire le migliori terapie da adottare. "La misurazione del dolore - dice Lucio Vizioli, presidente del Consiglio di Indirizzo e Verifica del Pascale e della Commissione Salute del Ministero delle Pari Opportunità - è una tra le più importanti disposizioni della legge sul trattamento del dolore, recentemente approvata dal Parlamento. Per tutti i pazienti, ma in particolare quelli oncologici, si tratta di una conquista di civiltà, per la scienza medica un altro piccolo passo che va ad aggiungersi alla recente approvazione della legge sulla terapia del dolore che sancisce, per la prima volta in Italia, il diritto del cittadino ad accedere alla terapia del dolore cronico e al sollievo della sofferenza inutile". Il misuradolore è uno strumento semplice: una scala graduata da 0 a 10 dove 0 rappresenta l'assenza di dolore mentre 10 indica l'intensità del peggiore dolore possibile. Per i bambini al posto dei numeri ci sono delle faccine, da quella sorridente a quella più triste. Il nuovo apparecchio verrà presentato venerdì prossimo durante la IX Giornata nazionale del Sollievo, che si celebra in tutte le regioni italiane, con il patrocinio della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, unitamente al Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali e alla Fondazione Nazionale 'Gigi Ghirotti', e che a Napoli è stata organizzata dall'Istituto dei tumori, in collaborazione con l'Università Federico II e l'ospedale Santobono. La Giornata, che si svolgerà presso l'aula Romolo Cerra del Pascale sotto la presidenza del direttore della struttura complessa di Terapia antalgica, Arturo Cuomo, e dei professori Maiuri e Tufano dell'Università Federico II, a partire dalle ore 8.30, si articolerà in un convegno, a cui è prevista la partecipazione di numerosi specialisti provenienti da ogni parte di Italia, dal tema: 'I tumori metastatici del rachide', coordinato dal dottor Luca Serra, responsabile dell'Unità di Chirurgia spinale del Pascale. "Il reparto delle Aree funzionali del Pascale - dice il direttore generale dell'Istituto dei tumori, Tonino Pedicini - insieme con la Terapia Antalgica e la Neurochirurgia Oncologica ad indirizzo spinale, si propone come centro di eccellenza in quanto in grado di offrire, oltre alle terapie antidolorifiche tradizionali e innovative, il trattamento globale della sofferenza mediante l'utilizzo di metodiche invasive e chirurgiche avanzate, secondo standard assistenziali caratterizzati dalla massima efficacia e efficienza. E non a caso, a partire dal prossimo anno accademico, il Pascale, in collaborazione con la professoressa Rosalba Tufano della Federico II, ha promosso un master in Terapie del dolore e cure palliative che si terrà al Crom di Mercogliano".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©