Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

Pubblicata lista di oltre 60mila indirizzi e-mail e password

Twitter sotto tiro, violate e pubblicate migliaia di password


Twitter sotto tiro, violate e pubblicate migliaia di password
09/05/2012, 09:05

Tra lunedì e martedì sono stati pubblicati su un sito che spesso viene utilizzato dagli hacker per la condivisione dei file di testo migliaia di indirizzi di posta elettronica utilizzati su Twitter abbinati alla rispettiva password. All'apparenza sarebbero sessantamila gli utenti di Twitter a cui sono stati rubati e pubblicati online i dati di accesso al social network; ma in realtà, per fortuna sono molti di meno.

Delle 60.240 combinazioni di indirizzi e-mail e password, infatti, molte sono finte, ripetute o errate. Pertanto il numero di profili violati scende a 35mila, la maggior parte dei quali appartiene a utenti brasiliani o madrelingua inglesi. Ma ciò non toglie che il fatto resti molto grave. I responsabili del social network ammettono, infatti, che il problema esista e che sia stata aperta un'indagine per capire come sia stata possibile una cosa del genere. "Stiamo studiando la situazione - è stato spiegato - e abbiamo inviato messaggi di reimpostazione della password a tutti gli utenti che crediamo possano essere stati colpiti".

La lista di dati d'accesso pubblicata pochi giorni fa, tuttavia, non appare del tutto nuova. Già nel luglio scorso, infatti, LulSec, una sigla del movimento hacker talora collegata ad Anonymous, aveva pubblicato una lista di circa sessantamila indirizzi e-mail e password, senza specificare da quale sito fossero stati attinti. Il numero dei contatti coincide e molti dei nomi della nuova lista corrispondono a quella che era stata pubblicata diversi mesi fa. Probabilmente, quindi, si tratta della stessa lista, che gira sul web da quasi un anno. Questa potrebbe essere una buona notizia, se si pensa che i proprietari di molti di quegli account potrebbero già aver cambiato la password nel corso dell'ultimo anno.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©