Cyber, scienza e gossip / Gossip

Commenta Stampa

Mesina tra i probabili concorrenti del reality di Rai 2

Un Bandito all'Isola dei Famosi


Un Bandito all'Isola dei Famosi
20/10/2009, 21:10

 Ci sono andati ex calciatori, veline, soubrette in cerca di notorietà, vecchie glorie della musica e attori caduti nel dimenticatoio. Stavolta però, a naufragare sull'Isola più famosa della televisione italiana potrebbe essere addirittura Graziano Mesina, professione: ex bandito. A lanciare la notizia questa mattina, il quotidiano “La Nuova Sardegna” che da per certa la partecipazione di Mesina alla nuova edizione dell'Isola dei Famosi in onda dal prossimo mese di gennaio. D'altronde il probabile nuovo concorrente del reality di Simona Ventura, vanta un “curriculum”  di tutto rispetto. Dopo aver passato gran parte della vita in galera ed essere stato protagonista di rocambolesche evasioni passate alla storia, il più famoso bandito del dopoguerra, in libertà dal 2004 dopo la grazia concessagli dall'allora Presidente della Repubblica Ciampi, potrebbe fare il suo ingresso nel mondo dello spettacolo. La partecipazione dell'ex primula rossa del banditismo sardo al reality show di Rai 2, al momento non è confermata da nessuna delle parti interessate. “Nessuno mi ha ancora ufficialmente contattato, ma se dovessi partecipare all'Isola dei famosi non vorrei trovarmi nelle sabbie mobili o in mezzo ai serpenti - ha commentato lo stesso 'Grazianeddu', che non avrebbe ancora ricevuto una proposta ufficiale - Ho letto anch'io la notizia sui giornali, ma per ora non c'è niente. Se mi chiameranno, vedremo. Devo fare alcune valutazioni sia sul posto dove si svolgerà la trasmissione, sia sul senso della mia eventuale partecipazione”. Silenzio invece da parte della società di produzione della trasmissione che quest'anno si svolgerà in Nicaragua. Si divide invece il mondo politico. La notizia della possibile partecipazione di Mesina piace all'ex presidente Cossiga. “Non capisco perché all'Isola dei Famosi ci possano andare alcune sgallettate e lui no - dice Cossiga - Mesina ha pagato tutto. Svolge l'attività di guida turistica con un'agenzia per girare nei luoghi in cui egli ha "banditato" e ha dei carabinieri tra i suoi amici”. Ma la questione potrebbe addirittura arrivare in Parlamento. A prendere posizione anche il Coisp, il sindacato indipendente di polizia. “E’ scandaloso e immorale che i soldi versati dai cittadini alla tv pubblica finiscano nelle tasche di un sequestratore”. A sostenerlo è il segretario generale Franco Maccari,  “Mentre gli uomini delle Forze dell’Ordine -prosegue Maccari- sono impegnati ogni giorno nella repressione del crimine, ma anche in tantissime iniziative di prevenzione che puntano soprattutto ad affermare la cultura della legalità, in particolare nelle nuove generazioni, in Italia accade che la tv di Stato invita al suo show in Nicaragua un noto bandito, che avrà così l’occasione di diventare un nuovo ‘eroe’ e ritrovare la fama conquistata durante la drammatica stagione dei sequestri di persona in Sardegna. La Rai -conclude Maccari- deve assolutamente revocare l’eventuale ingaggio a Mesina, perché ciò costituisce un insulto a tutte le Forze dell’Ordine, alle tante persone che hanno sofferto per i sequestri nel nostro Paese, e a tutti i cittadini onesti.  La notizia, intanto, farà bene agli ascolti ancora prima che il programma parta!

 

 

 

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©