Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

Un Doblò Cargo scritturato per “Il comandante e la cicogna” di Silvio Soldini


Un Doblò Cargo scritturato per “Il comandante e la cicogna” di Silvio Soldini
01/11/2012, 10:44

Il 18 ottobre uscirà nelle sale cinematografiche italiane “Il comandante e la cicogna”,  il nuovo film di Silvio Soldini  prodotto da Lionello Cerri – Lumière & Co. e distribuito da Warner Bros. Pictures. Ambientato nella città di Torino, la commedia vede la partecipazione di un Fiat Doblò Cargo, il veicolo commerciale di Fiat Professional progettato per essere al top della categoria per prestazioni e caratteristiche funzionali, capacità di carico e produttività, bassi consumi e ridotti costi di gestione.

L’importante operazione di product placement mette in risalto le qualità di Doblò Cargo, la risposta ideale per i professionisti che fanno dei propri veicoli uno strumento di lavoro quotidiano. Proprio come l’idraulico Leo, interpretato da Valerio Mastandrea, che ogni giorno affronta l’impresa di crescere due figli adolescenti, Elia e Maddalena, dividendosi tra il lavoro con l’aiutante cinese Fiorenzo e le incombenze di casa - dove la moglie Teresa (Claudia Gerini ) stravagante e affettuosa, compare e scompare. La vita di Leo s’intreccerà con quella di Diana, interpretata da Alba Rohrwacher, un’artista sognatrice e squattrinata che - in attesa della grande occasione della sua vita - fatica a pagare l’affitto.

Di recente il Doblò Cargo ha introdotto due importanti novità - le versioni “XL” e “Work Up” – che arricchiscono la gamma più ampia del segmento con oltre 500 soluzioni disponibili combinando scocche, porte e motorizzazioni. In particolare, il Doblò Cargo “XL” offre misure analoghe a quelle della versione Cargo Maxi, consentendo un più agevole accesso al vano di carico grazie ai 1455 mm di altezza della porta posteriore e dei 1550 mm di altezza del vano di carico. Inoltre, grazie alle sospensioni posteriori bi-link, il veicolo è in grado di assicurare significativi carichi massimi ammessi sugli assi: 1.200 kg sull’anteriore e 1.450 kg sul posteriore. Pur mostrando valori tipici di segmenti superiori – compresa la volumetria di 5 m3 (5,4 m3 con sedile passeggero abbattuto) – il nuovo Doblò Cargo XL si conferma un veicolo attento alla riduzione dei consumi e al rispetto per l’ambiente. 

Il Doblò Work Up è il primo light truck del segmento fabbricato interamente dal costruttore a garanzia di qualità e affidabilità. Con una superficie di carico di 4 m2 , una portata fino a 1.000 Kg e grazie alla pratica movimentazione delle sponde e ai numerosi accorgimenti funzionali (vano utensili, ganci di trattenimento, struttura scala/portapali carichi, pedana d’accesso eccetera), Doblò Work Up è la risposta ideale per i settori dell’agricoltura, dell’edilizia, dei servizi di manutenzione cittadina o aree verdi, oltre che nel trasporto di serramenti e vetri. 

 Entrambe le novità confermano le qualità vincenti del modello Doblò Cargo, il primo e unico veicolo della sua categoria che abbandona definitivamente il concetto di “car derived”. Infatti, fin dalla fase di progettazione è stato ideato per essere un veicolo commerciale a tutti gli effetti, non una semplice “furgonetta” ma un vero proprio LCV con possibilità di adattarsi alle diverse tipologie di allestimenti e a tutte le missioni di lavoro. Comprese quelle vissute ogni giorno dall’idraulico Leo.  

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©