Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Presentato alla Conferenza mondiale sull'Aids a Vienna

Un gel vaginale dimezza le infezioni da Hiv


Un gel vaginale dimezza le infezioni da Hiv
20/07/2010, 17:07

L'Hiv è un virus letale che, soprattutto in Africa, colpisce ogni anno milioni di nuovi nati. E' stato testato, proprio sulle donne dell'Africa del sud, un gel vaginale protettivo contro l'Hiv, dimostrando un alto grado di protezione contro il virus dell'immunodeficienza. Il prototipo è stato presentato alla Conferenza Mondiale sull'Aids, tenuta a Vienna, e tutti l'hanno considerato “una scoperta storica”, perché il composto funziona. Lo studio è stato condotto da Salim Abdool Karim, un ricercatore sudafricano a capo del Centro studi Caprisa. I risultati sono promettenti: il gel a base di un antibatterico e di un farmaco antiretrovirale, il Tenofovir, è in grado di ridurre il contagio del 50% dopo un anno di utilizzo, del 39% dopo due anni e mezzo. La ricerca è stata condotta su un campione composto da circa 900 donne, tra i 18 e i 44 anni, tutte sessualmente attive e sane. Un parte di queste applicava regolarmente il gel con il farmaco, l'altra metà del campione veniva curato con un placebo. Nel primo gruppo l'incidenza dell'Hiv era del 5,6 %, nel secondo del 9.1%.
Il gel può essere considerato fondamentale nei casi di rapporti sessuali senza preservativo, soprattutto quando è il maschio a rifiutare tale protezione nonostante le richieste della partner. Secondo Michel Sidibe, direttore esecutivo del programma unaids dell'Oms (Organizzazione mondiale della Sanità) - “Stiamo dando una grande speranza alle donne, per la prima volta abbiamo visto dei risultati nella prevenzione dell'Aids con un'opzione in mano alle donne".
Prima di essere messo sul mercato, il gel dovrà però superare un'ulteriore serie di test sul livello di protezione e su come il prodotto potrebbe essere usato al meglio. Ad ostacoli superati, potrebbe trattarsi di una scoperta efficace per la lotta all'Aids.
Una guerra che va vinta quanto prima ma che, almeno in Africa, ha segnato importanti vittorie. Secondo i numeri del National Hiv Survey, redatto dal governo del Sudafrica, nel paese il virus si è fermato. Un grande traguardo considerando il fatto che si tratta di un paese dove quasi il 20 per cento degli adulti è sieropositivo con punte che arrivano a 32,7 per cento tra le donne nella ventina.

Commenta Stampa
di Caterina Cannone
Riproduzione riservata ©