Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

544 cv e consumi ridotti

Un nuovo 12 cilindri per la BMW Serie 7


Un nuovo 12 cilindri per la BMW Serie 7
10/04/2009, 11:04

La nuova BMW Serie 7 ha definito i parametri di riferimento per il piacere di guidare in un'ammiraglia di lusso: adesso vengono ridefinite l'esclusività e l'eccellenza in questa categoria automobilistica. La nuova BMW 760i e la nuova BMW 760Li rappresentano il vertice del portafoglio modelli della marca BMW e, al contempo, la forma più sofisticata della cultura di guida nel segmento di
appartenenza. . Il simbolo e la base di questa posizione assolutamente eccezionale è il motore a dodici cilindri che alimenta i due modelli top di gamma della BMW Serie 7. Il propulsore V12 sviluppato completamente ex novo è un’opera d’arte della moderna ingegneria motoristica. L’unità eroga l’enorme potenza di 400 kW/544 CV a un regime di 5.250 giri/min. e mette a disposizione la coppia massima di 750 Newtonmetri già a 1.500 giri/min. In combinazione con un cambio automatico a otto rapporti, di costruzione completamente nuova, il dodici cilindri affascina per una rotondità di funzionamento finora mai raggiunta e per una potenza elevata che viene gestita per una piacere di guida assoluto.

Il propulsore a dodici cilindri di BMW è il simbolo di eleganza, di viaggi confortevoli e di esclusività ricercata. La nuova BMW 760i e la nuova BMW 760Li dal passo allungato di 14 centimetri e con un allestimento comfort della zona posteriore, offrono una risposta nuova e affascinante alla domanda relativa a quello che ci si può attendere da una vettura della categoria lusso, confermando così la posizione di leader di BMW nel segmento delle ammiraglie di lusso. La tecnica di propulsione è caratterizzata da una potenza elevata e una rotondità di funzionamento impeccabile. Questo vale sia per il motore in alluminio da 6,0 litri equipaggiato con tecnologia BMW TwinPower turbo, iniezione diretta di benzina High Precision Injection e regolazione continua degli alberi a camme Doppio Vanos che per il cambio automatico a otto rapporti, montato per la prima volta in una BMW.

Grazie a questi sistemi, la cultura di guida, la dinamica e l’efficienza arrivano a un livello nuovo mai raggiunto in questa categoria automobilistica e classe di potenza. La soglia dei 100 km/h viene raggiunta in solo 4,6*) secondi; in base al ciclo di prova UE il consumo medio di carburante della BMW 760i e della BMW 760Li è di 12,9*) litri per 100 chilometri (valore provvisorio). Il calcolo del valore si basa sulle severe direttive della norma antinquinamento Euro 5. Rispetto al modello precedente, il consumo di carburante è calato del 4,5 percento circa, mentre sono migliorate nuovamente le prestazioni di guida.
*) valore provvisorio

La nuova BMW Serie 7: la base perfetta per la massima
espressione della cultura di guida.
Grazie alla superiorità della tecnica dell’assetto, agli innovativi sistemi di assistenza del guidatore, al lussuoso equipaggiamento di comfort e alla combinazione stilistica tra eleganza e sportività, la BMW Serie 7 offre le premesse perfette per trasformare il nuovo livello di performance del motore a dodici cilindri in un’esperienza di guida finora mai raggiunta. La nuova BMW 760i e la nuova BMW 760Li sono equipaggiate di serie con il Dynamic Damping Control, incluso il Driving Dynamic Control, attivabili attraverso un tasto sulla consolle centrale, inoltre con il sistema di servoassistenza funzionante in dipendenza della velocità Servotronic e con la stabilizzazione antirollío Dynamic Drive. In più, l’asse posteriore della BMW 760Li è dotato di ammortizzatori pneumatici con regolazione del livello. A richiesta, per entrambi i modelli è disponibile l’Integral Active Steering con regolazione dell’angolo di sterzata delle ruote posteriori in base alla velocità. La combinazione di sterzo dell’asse anteriore e posteriore privilegia soprattutto il comfort di viaggio nella zona posteriore, ad esempio durante i cambi di corsia ad alta velocità.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©
LE ALTRE FOTO.