Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Bisogna includere nei menù pillole contro cibi grassi

Una pillola anti colesterolo per rimediare agli effetti del 'junk food'


Una pillola anti colesterolo per rimediare agli effetti del 'junk food'
13/08/2010, 13:08

MILANO - Si chiamerebbe McStatin, ovvero Mcstatina (le statine sono farmaci che inibiscono la sintesi del colesterolo) e sarebbe inclusa nei menù dei fast food, gratuitamente offerta al fianco di cheeseburger e patatine, per compensarne gli effetti nefasti.
LA PROPOSTA - A ideare l'insolita proposta Darrel Francis e altri scienziati dell’Imperial College di Londra, convinti che si possa compensare il male del cibo spazzatura con una semplice pastiglia, in grado di azzerare il danno causato dai cibi grassi.
QUESTIONE DI ANTIDOTI - Concettualmente, secondo Francis, è lo stesso discorso del filtro della sigaretta o della cintura di sicurezza in macchina. Si tratta pur sempre di antidoti a un pericolo. E del resto sarebbe veramente un controsenso (e anche un’ipocrisia) permettere il consumo di junk food e vietare una piccola pastiglia. Dunque al fianco di ketchup e mostarda presto potremo trovare nelle catene di cibo veloce una pillolina contro il colesterolo, gratuitamente offerta dalla casa per rimediare al danno inflitto dai grassi in eccesso. «Uno stile di vita malsano non è altro che la somma di una serie di scelte regolarmente sbagliate. Ma per un individuo che una volta all’anno si concede un cheeseburger e una volta all’anno prende una pillola il rischio equivale a zero e le maggiori probabilità di un attacco cardiaco dopo un milkshake sono cancellate dall’assunzione di una statina»: questa è la teoria creativa di Francis, esposta in un serio articolo pubblicato sull’American Journal of Cardiology.
CRITICHE - A questo punto bisognerà vedere se i fast food raccoglieranno la trovata. Ma c’è già qualche collega che, comprensibilmente, invita alla cautela. Come Peter Weissberg, direttore della British Heart Foundation: «Gli effetti collaterali del cibo spazzatura non si limitano ad alzare il livello del colesterolo, ma sono molteplici». Non basta insomma un farmaco anticolesterolo, occorrerebbe una dieta corretta. Ma il fast food è buono e la gente non è disposta a rinunciare tanto facilmente ai piatti ad alto contenuto calorico. Piuttosto preferisce una pillola.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©

Correlati