Cyber, scienza e gossip / Motori

Commenta Stampa

UNIRACER FORMATION LAP: OBIETTIVO MOTORSPORT!


UNIRACER FORMATION LAP: OBIETTIVO MOTORSPORT!
13/10/2008, 07:10

 

Dopo gli eventi "Drive Through - da studenti a Team Manager", "Dynamic Day - gravitazione universale o aerodinamica sperimentale?", "Practice Day - La volevi? Ora falla tua!", l’ "University Driving Simulator" ed il “Championship Karting Contest”, Uniracer Racing Development approda al “Motorsport Expo Tech”, l’importante evento italiano dedicato agli operatori del motorsport che si terrà alla Fiera di Modena.
Rispondendo all’invito degli organizzatori, giovedì 16 ottobre 2008 Uniracer organizzerà il convegno dal titolo “Formation Lap: obiettivo Motorsport” in cui verrà presentato l’ambizioso progetto che il gruppo sta portando avanti ormai da tre anni.

Si comincerà alle 11.30 con l’apertura di Daniele Leone, Presidente e Socio Fondatore di Uniracer, attualmente impegnato come Direttore Sportivo nel Campionato Mondiale FIA WTCC, il quale presenterà Uniracer spiegherà gli obiettivi ed i risultati raggiunti finora.
Rispettando uno dei principi fondanti del gruppo, la struttura del convegno partirà dall’università per arrivare al motorsport, Ad entrare nel vivo della discussione sarà il Prof. Carlo Massimo Casciola, Docente Ordinario di “Fluidodinamica”, “Fluidodinamica numerica” e “Turbolenze”, presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza”.
Affiancatosi alle iniziative di Uniracer, il Prof. Casciola illustrerà l’importanza della preparazione universitaria, bagaglio necessario ad inserirsi con competenza in un settore tanto esigente quanto il Motorsport.
Il suo intervento spiegherà anche qual è la collaborazione fra le aziende e il mondo accademico e a sostegno di quanto citato sopra sarà presentato il lavoro di Rinaldo Mercuri, membro del progetto Uniracer, impegnato in una tesi sul set-up aerodinamico di una vettura di Formula Renault 2.0.
Il passaggio al mondo della pista sarà sancito anche dall’intervento dell’ Ing. Ugo Maceratini, Track Engineer nel campionato di Formula 3000 EuroSeries, il quale in base alla propria esperienza inviterà a riflettere sulle metodologie affini alla “mentalità racing”, da introdurre per traghettare gli studenti verso in mondo del motorsport,
 
A lui, nell’attuale stagione sportiva del Campionato Italiano Formula Renault 2.0 è stato affiancato in qualità di Data Engineer Luigi Villa, membro del progetto Uniracer che spiegherà quali sono le difficoltà che si affrontano nel passaggio dalla didattica universitaria alla pratica di pista, valutando i punti di contatto tra il metodo di studio e il metodo di lavoro.
Per completare l’analisi ascolteremo l’intervento dell’Ing. Carlo Dell’Orto, team manager della “Tomcat Racing”, uno dei team partner del progetto Uniracer. Dell’Orto si occuperà di evidenziare le esigenze richieste da un team manager nell’instaurare un rapporto professionale con chi arriva dall’ambiente accademico.

Dividersi fra lo studio e la pista non vale solo per i tecnici, ma anche per i piloti: Nicolò Piancastelli, ne è un valido esempio. Nella stagione 2008, oltre ad aver frequentato regolarmente i corsi di Ingegneria Meccanica dell’Università di Bologna, si è distinto sui campi di gara partecipando al Campionato Italiano Formula 3: il suo intervento ci spiegherà proprio quanto è importante anche l’esperienza da pilota per diventare un professionista nel settore.
La conclusione dei lavori sarà affidata a Riccardo Zani, responsabile Uniracer per le Attività di Didattica, impegnato in qualità di Track Engineer nel team ufficiale “Seat Sport Italia” per il Campionato Italiano Turismo Endurance.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©