Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Pronti 2 milioni e mezzo di sieri in esubero

Vaccino influenza A: altre dosi cedute all'Oms


Vaccino influenza A: altre dosi cedute all'Oms
06/02/2010, 14:02

ROMA - L'Italia, come la stragrande maggioranza dei paesi che hanno acquistano enormi dosi di vaccino contro la tanto (ingiustamente) temuta influenza A, si sta attrezzando nel meno peggiore dei modi per smistare le dosi in eccesso. A dichiarare l'intento del governo di cedere all'Organizzazione mondiale della sanità circa 2 milioni e mezzo di sieri è stato proprio il ministro della Salute Ferruccio Fazio. L'operazione è oramai certa anche perchè "l'Oms ne ha fatto richiesta, che ci sia un quantitativo aggiuntivo che verrà assegnato all'Organizzazione".
"Stiamo parlando -
ha sottolineato Fazio - sempre di quei vaccini che sono già state distribuiti alle Regioni o che si trovano in fase di consegna".
E così, dopo la gara alla fornitura che ha garantito introiti multimilionari alla mega casa farmaceutica Novartis, i governi euoropei che si erano fatti ubriacare dalla propaganda delle terrore su una pandemia che doveva essere devastante e che invece ha fatto meno danni dell'influenza stagionale, si adoperano invece ora a correre una maratona inversa volta alla rivendita dei vaccini. In prima linea per tentare di recuperare almeno in parte le enormi cifre spese per le prime esorbitanti forniture non c'è pero solo l'Italia. Anche Francia, Inghilterra, Olanda e Germania avevano infatti sbagliato i calcoli e, da oggi, sperano di rifilare all'Oms diverse milioni di sieri. Il  costo per ogni dose  varia da un minimo di 6,5 euro ad un massimo di 10; facendo un rapido calcolo si intuisce quanti miliardi abbiano inondato le casse della Novartis e svuotato quelle dei diversi erari che sono cascati nella trappola (o ci sono voluti cascare).

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©