Cyber, scienza e gossip / Gossip

Commenta Stampa

Il cantante arrabbiato su twitter

Valerio Scanu furioso: “La mia casa discografica non mi ha scaricato”


Valerio Scanu furioso: “La mia casa discografica non mi ha scaricato”
27/02/2013, 18:54

Valerio Scanu è solito infuriarsi, anche per delle piccolezze del resto, il cantante sardo è solito è sempre stato polemico, anche ai tempi della sua avventura ad Amici: aveva diciotto anni appena e già trovava da discutere con tutti.
Così non ci stupisce che anche oggi Valerio Scanu trovi spesso e volentieri argomenti sui quali inalberarsi. Proprio ieri, è uscita una notizia su Valerio Scanu che – neanche a dirlo – ha fatto letteralmente infuriare il cantante che su twitter mostra tutta la sua rabbia. Tutto è nato a causa di un tweet pubblicato dal cantante sardo e che aveva fatto pensare che Scanu fosse stato scaricato dalla sua casa discografica. Il tweet che aveva dato il via a questo passaparola, in effetti, era fraintendibile: “Ringrazio tutto lo staff della mia quasi ex casa discografica per aver presenziato (spiritualmente) al mio concerto di Milano… #vergogna“. Un messaggio chiaro e polemico  ripreso da molti blog per annunciare la rottura tra il cantante e la sua casa discografica che finora lo ha prodotto.
Niente di più sbagliato, almeno stando a quanto dichiarato dal diretto interessato che oggi su Twitter punta il dito contro coloro che hanno ricamato sul suo sfogo: “Certi pseudo-bloggher mi fanno una pena immensa… Da una frase evincono fatti e misfatti MAI accaduti per ottenere una manciatina di views“. E a quelli che gli fanno notare che blogger si scrive senza la acca, l’ex cantante di Amici risponde seccato: “Se ti urta una H dovresti valutare una visita neurologica”. Ce ne è per tutti, insomma, per un Valerio Scanu che di starsene un po’ tranquillo proprio non ne vuole sapere.
Il cantante, ultimamente, è al centro di una “guerra” con la bloggerr Selvaggia Lucarelli, colpevole di “averlo intervistato in modo poco intelligente”.

 

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©