Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

Fitto riconvoca il tavolo delle regioni

Vendola: i rifiuti napoletani me li prendo io


Vendola: i rifiuti napoletani me li prendo io
29/11/2010, 19:11

ROMA - "Il sistema Paese non può non reagire mettendo da parte le contese politiche con una capacità di grande solidarietà e per quel che mi riguarda ho detto che se tutte le regioni fossero in disaccordo io sono disponibile a prendermi per intero i rifiuti di Napoli". Nichi Vendola sembra non avere dubbi e, come ha riportato anche il Sole 24 Ore, è pronto ad "ospitare" tutta la spazzatura proveniente da Napoli anche da subito.
Prima ancora di partecipare all'incontro Stato-regioni in corso a Roma per decidere proprio riguardo le modalità di risoluzione della nuova emergenza rifiuti, il governatore della Puglia regala dunque slogan solidali e, riprendendo un discorso già affrontato durate il programma tv "Le invasioni barbariche" dello scorso venerdì, ricorda l'esistenza di "un dato che ha cambiato completamente la natura dei problemi: e cioè il rischio dell'emergenza sanitaria. Bambini che vengono portati in ospedale con le crisi respiratorie non possono essere sottovalutati".
Subito dopo Vendola ha anche lanciato un segnale di profonda stima a Rosa Russo Iervolino per il suo "senso istituzionale e la totale solidarietà fra i territori cosi come vuole la nostra Costituzione".

FITTO CONVOCA TUTTE LE REGIONI
Oltre alla dichirazione spontanea di Vendola, il ministro dei rapporti con le Regioni, Raffaele Fitto, si aspetta però anche l'aiuto di tutti gli altri governatori e convoca con tale intento un tavolo, previsto per le 18:30 di martedì, proprio per richiedere "disponibilità da tutte le regioni" per la risoluzione dell'emergenza. All'appello ha già risposto anche il Molise che, con il suo governatore 
Michele Iorio, si è detto pronto ad aiutare la Campania. Per Iorio, infatti, occorre "farsi carico di questo problema per restituire una giusta immagine al Paese: non possiamo dire di no".
In media, ha precisato il presidente del Molise, basterebbe che ogni regione si decidesse ad accogliere circa tre tir di rifiuti in più al giorno per un periodo non superiore ai tre mesi.

I MILITARI A NAPOLI
Intanto, nel capolugo campano, già da questa mattina 400 uomini del Genio Guastatori stanno lavorando insieme alle altre unità operative per spostare con l'aiuto di pale meccaniche e bobcat i rifiuti accumulati nell'impianto Stir di Giugliano. Alle regioni settentrionali, comunque, si potrebbe richiedere come manifestazione di profonda solidarietà l'interruzione immediata dello smistamento di rifiuti tossici che danni, grazie ad accordi "vantagiosi" con la criminalità organizzata, riempiono i terreni di quella che una volta era chiamata "terra felix".

IN PUGLIA NESSUN RIFIUTO TOSSICO
Grazie alla consueta vox populi alimentata da associazioni e personaggi interessati a strumentalizzare ogni iniziativa per meri fini politici, buona parte dell'opinione pubblica pugliese si è fatta prendere dal panico pensando che i rifiuti provenienti dalla Campania fossero tossici. "Alzeremo le barricate come a Terzigno"; hanno assicurato gli avversari di Vendola, i citaddini disinformati ed alcune frange ambientaliste. In realtà, quelli che eventualmente verranno ospitati dalla Puglia, saranno rifiuti speciali urbani (Stir) che non hanno nulla a che vedere con quelli seppelliti nelle terre campane e provenienti dal nord del paese e da altre parti d'Europa.
Alla popolazione pugliese, dunque, rivolgiamo l'invito a non farsi fuorviare da chi diffonde menzogne ed inesattezze con il solo scopo di colpire Vendola ed imitando, per egoismo e miopia, la peggiore filosofia leghista.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©