Cyber, scienza e gossip / Ambiente

Commenta Stampa

"Riprendere l'operazione 'Alberiamo Napoli'"

Verdecologisti: "Rimettere una palma a Piazza Vanvitelli"


Verdecologisti: 'Rimettere una palma a Piazza Vanvitelli'
09/01/2010, 14:01

NAPOLI - L’associazione Verdecologista attraverso il prioprio presidente , l’ex consigliere comunale Carmine Attanasio, interviene sulla vicenda di piazza Vanvitelli chiedendo che al posto della palma morta venga piantata un'altra palma senza ricorrere ad inutili sondaggi che hanno solo sapore di mera azione propagandistica in quanto solo ripristinando lo stato dei luoghi si preserva la memoria storica della piazza altrimente sarebbe stato più giusto fare sì un sondaggio, ma solo per chiedere se si vuole un albero, una statua o una fontana. “Il Comune di Napoli e per esso la direzione giardini non ha mai svolto alcuna azione preventiva e fitosanitaria contro l’azione devastante del “punteruolo rosso”; davanti a cotante strage di essenze arboree si pensa a formulare sondaggi e ad annunciare, ormai da due anni, la più importante messa a dimora di alberi dal dopoguerra ad oggi, 1700 alberi, senza sapere che la più importante opera di messa a dimora di alberi nella nostra città è avvenuta tra il 1997 e il 2000 quando sono stati piantati quasi 8000 alberi”. Un’eventuale sostituzione della palma di piazza Vanvitelli – ha dichiarato Carmine Attanasio – andrebbe comunque non chiesta ai cittadini ma solo concordata con la soprintendenza ai beni ambientali, in accordo con esperti di botanica, e poi realizzata. In tutto questo si dimentica che analogo problema sussiste in piazza Degli Artisti ed anche qui attendiamo un intervento immediato. Invitiamo poi le autorità e gli uffici preposti a preoccuparsi in primis dell’ordinario; tenendo pulito giardini, aiuole e vasi stradali e colmando le fossette vuote non solo nei periodi preelettorali (solo in via Altamura ci sono 49 loculi che attendono da vent’anni il posizionamento di una nuova essenza arborea). Infine chiediamo che tutti gli abeti con le radici ancora in vita, abbandonati per strada dai cittadini, vengano raccolti e ripiantati.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©