Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Al via lo studio di fase III su il palbociclib

Verso uno nuovo farmaco per il tumore avanzato


Verso uno nuovo farmaco per il tumore avanzato
29/04/2013, 12:26

L’agenzia del farmaco americana, la Food and Drug Administration (Fda), ha inserito una nuova molecola sperimentale per il tumore al seno localmente avanzato e metastatico tra le “Breakthrough Therapy, e cioè tra quei potenziali farmaci il cui sviluppo deve essere accelerato perché molto promettenti. Si tratta di palbociclib, messo a punto dalla multinazionale Pfizer, che ha già avviato uno studio clinico di fase III per valutarne l’efficacia in combinazione con un inibitore della aromatasi (il letrozolo) nelle donne con un carcinoma mammario sensibile agli estrogeni e in menopausa.

La decisione di denominare il palbociclib come “breakthrough si basa sui risultati di uno studio clinico di fase II presentati lo scorso dicembre al simposio sul cancro al seno di San Antonio. I dati mostravano un aumento della sopravvivenza statisticamente significativo delle pazienti trattate con la terapia combinata (palbociclib più inibitore dell’aromatasi) rispetto a quelle cui era stato somministrato il solo letrozolo. Stando allo studio, si passerebbe da poco più di mezzo anno a oltre due anni (valore mediano).

Il compito di palbociclib è di inibire due proteine chiamate chinasi ciclina dipendenti (CDK) 4 e 6, che regolano la divisione e la replicazione delle cellule tumorali. Ostacolando la loro azione, palbociclib rallenta quindi la progressione del tumore. Lo studio di fase III è però ancora ai blocchi di partenza: si stanno in questo momento arruolando le pazienti. Bisognerà poi attendere i nuovi dati e la nuova opinione della Fda.

Commenta Stampa
di Felice Massimo de Falco
Riproduzione riservata ©