Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

Viaggio nel territorio dell’Irpinia tra Eneide , Geologia e Storia


Viaggio nel territorio dell’Irpinia tra Eneide , Geologia e Storia
11/05/2012, 13:05

Benedetto: “Sabato saremo al lago gassoso di Mefite , nell’avellinese. Geologi impegnati su due fronti : prevenzione e valorizzazione del territorio”. Campanelli: “Dagli alabastri di Gesualdo alla Mefite di Rocca San Felice” . Con i geologi della Campania sui luoghi della storia . La Mefite , lago gassoso che si trova in provincia di Avellino, luogo di culto della Dea Mefite venerata dai popoli italici per la fertilità femminile e della terra, sarà Sabato 12 Maggio, teatro della seconda geoescursione promossa dall’Ordine dei Geologi della Campania . “ E’ un posto importante , non molto conosciuto – ha affermato Lorenzo Benedetto, consigliere dell’Ordine dei Geologi della Campania – ma già indicato da Virgilio nell’Eneide come ingresso degli Inferi . E’ un posto affascinante ed allo stesso tempo pericoloso proprio per le emissioni di gas venefici provenienti dal sottosuolo, costituiti principalmente da anidride carbonica e acido solforico . In questo lago l’acqua grigia e melmosa ribolle non per l’alta temperatura , ma per lo sprigionarsi violento di questi gas probabilmente connessi alla presenza nel sottosuolo di depositi evaporitici , risalenti a ben 6 milioni di anni fa quando le acque del Mediterraneo evaporarono quasi completamente a causa della chiusura dello Stretto di Gibilterra . La Mefite di Rocca San Felice rappresenta un’attrazione straordinaria. Saremo davvero sui luoghi della letteratura ma anche della storia geologica del nostro Pianeta . E’ un posto affascinante ma da vedere in compagnia

di persone esperte . Nel 1820 il geologo Giovan Battista Brocchi , dimostrò che gli effetti venefici erano dovuti alle esalazioni di anidride carbonica che provengono dal sottosuolo
che, essendo più pesanti dell’aria ,ristagnano al suolo in assenza di ventilazione”.

L’impegno sociale e professionale , dell’Ordine dei Geologi della Campania è costante .
“L’Ordine – ha continuato Benedetto - è dunque impegnato su più fronti : da una parte sulla conoscenza dei rischi geologici per prevenirli e ridurne gli effetti, dall’altra parte sulla valorizzazione e conservazione del territorio per le generazioni future. Due facce della stessa medaglia che testimoniano la funzione anche sociale del geologo”. La geologia , la nostra storia , il territorio , l’amore per ciò che è cultura , passione , curiosità, c’è davvero tutto nello straordinario calendario delle geoescursioni promosso
dall’Ordine dei Geologi della Campania .

“Dalle impronte degli ominidi , sulla lava del Roccamonfina, alla Mefite di Rocca San Felice con un vero viaggio nell’Irpinia nella storia e nella geologia . Sabato 12 Maggio, prima di recarci alla Mefite – ha affermato Luciano Campanelli , consigliere dell’Ordine dei Geologi della Campania - faremo tappa a San Gesualdo (AV), per apprezzare i bellissimi alabastri , pietre che vennero usate in grande quantità per abbellire la Reggia di Caserta ed il Monastero di Santa Chiara a Napoli. La storia di Gesualdo è collegata con i Longobardi , Normanni , Svevi e gli Angioini”. Le escursioni sono effettuate in collaborazione con le associazioni Lerka Minerka e Geologia & Turismo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©