Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

Avviata la procedura di cancellazione della sua "voce"

Vogliono cancellare Vittorio Arrigoni da Wikipedia


Vogliono cancellare Vittorio Arrigoni da Wikipedia
16/04/2011, 15:04

Ormai la delegittimazione della vita di Vittorio Arrigoni prosegue a spron battuto. All'estero sono soprattutto i giornali israeliani, su cui oggi campeggia la notizia che il pacifista italiano è stato ucciso - e prima torturato - perchè in realtà era un agente dei servizi segreti occidentali. In Italia il loro peggio lo stanno dando i giornali vicini al Pdl. Questa mattina Il Giornale aveva in prima pagina un articolo della deputata del Pdl Fiamma Nierenstein (e colona israeliana, dato che pare abbia una abitazione in una delle colonie illegali che Israele ha costruito nei territori rubati ai palestinesi) vicina all'ultra destra xenofoba israeliana di Liebermann. Già il titolo illustrava il contenuto del pezzo: "Ma quale pacifista, odiava Israele", con la foto di Vittorio Arrigoni. Libero e Il Tempo invece insinuavano che l'attivista italiano fosse morto perchè finito in un regolamento di conti tra Hamas e i suoi avversari.
Non bastasse questo, si vuole cancellare il pacifista anche da Wikipedia. Nonostante fosse una voce molto letta, è stata avviata la procedura di cancellazione della sua biografia. Cliccando sul link
http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Pagine_da_cancellare/Vittorio_Arrigoni si può seguire la discussione che sta avvenendo. C'è tempo fino a venerdì prossimo 22 aprile, per chi ne abbia i requisiti (cioè per coloro che sono intervenuti molto sul sito con commenti e modifiche delle varie voci) per votare a favore o contro la cancellazione della pagina. Finora, i no alla cancellazione prevalgono, ma è meglio non abbassare la guardia. Sembra uno di quei classici casi dove la cosa è organizzata: chi deve votare a fabore della cancellazione mette i propri voti nelle 2 o 3 ore prima della chiusura della procedura e il gioco è fatto.
Il punto è che, come spesso avviene, si colpisce chi non si può più difendere

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©