Cyber, scienza e gossip / Scienza

Commenta Stampa

VOLARE E' BELLO DA SVENIRE


VOLARE E' BELLO DA SVENIRE
23/01/2009, 19:01

Sono  gli svenimenti le emergenze che svettano in cima alla classifica delle emergenze mediche che più spesso si registrano in volo sulle compagnie aeree europee. Stilata dall'equipe di Michael Sand, dell'Università di Bochum in Germania, la top ten delle emergenze aeree ha trovato 5300 casi di 'svenimento aereo' tra 2002 e 2007. Nel campione di voli esaminato ci sono state in tutto 10189 differenti emergenze e 279 voli hanno dovuto deviare la propria rotta verso l'aeroporto più vicino per far fronte ad un'emergenza medica che si è verificata a bordo.

Dopo gli svenimenti (5307 casi, il 53,5% delle emergenze) troviamo nella classifica i malesseri di stomaco (926 casi, il 5,9% delle emergenze) e al terzo posto, posizione non trascurabile visto che si stima che entro il 2030 il 50% dei passeggeri aerei avrà più di 50 anni, i problemi cardiaci (509 casi, 4.9%). Gli esperti, si legge sulla rivista Critical Care, hanno chiesto a 32 compagnie aeree europee di fornire in forma anonima dati sui casi medici riportati in volo, emergenze mediche e chirurgiche negli anni tra 2002 e 2007. Il numero totale di incidenti è stato correlato al traffico passeggeri, espresso in 'passeggeri chilometro trasportatip - RPK. Inoltre sono state analizzate le nascite e i decessi a bordo, il tipo di rotta, continentale/intercontinentale, il coinvolgimento di personale medico.

Le emergenze chirurgiche piu' frequenti sono state trombosi e appendiciti. Invece la ragione medica più frequente che ha costretto il pilota ad atterrare all'aeroporto più vicino è stata l'attacco cardiaco (22,7%), l'ictus (11,3%) e le crisi epilettiche (9,4%). Si sono registrate anche due nascite e un tentato suicidio. Si noti però, scrivono gli autori, che solo 4 compagnie aeree sono state in grado di fornire i dati richiesti, cosa che evidenzia un'inadeguatezza nella documentazione a bordo circa le emergenze mediche, sebbene l'aviazione sia regolata da molte leggi internazionali e nazionali.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©