Salute e benessere / Salute

Commenta Stampa

Al Centro dedicato del Gemelli 170 ricoverati

Web-Mania, crescono i casi clinici anche in Italia

Internet è la “novità” che crea dipendenza

.

Web-Mania, crescono i casi clinici anche in Italia
27/01/2011, 19:01

NAPOLI – Sempre online, a qualsiasi costo. Adolescenti che, appena rientrati a casa, accendono il pc e non si staccano più da Facebook. Trentenni attaccati al gioco d’azzardo ed alla pornografia in rete. Coppie in crisi per colpa di Internet, intenti a spiare la vita virtuale del virtuale. E’ la web-mania, fenomeno dilagante anche in Italia, che in molti casi sfocia in una vera e propria dipendenza. Il Centro per le psicopatologie da web del Policlinico Gemelli di Roma, aperto poco più di un anno fa, attualmente ospita 170 persone. 170 malati di Internet. Lo psichiatra che dirige il Centro, Federico Tonioni, ha spiegato che a rivolgersi a loro sono soprattutto giovani adulti e ragazzini accompagnati dai genitori; a creare maggiore dipendenza sono i social network, con la loro illusione di vita reale simulata. “Aggressività e depressione sono i primi sintomi di astinenza da pc che vediamo nei nostri pazienti - racconta l'esperto all'Adnkronos Salute - mentre il principale segno di intossicazione e' la dissociazione". Come si dice, anche le patologie si mantengono al passo coi tempi. Una volta a creare dipendenza era la televisione, poi sono arrivati i videogiochi. Adesso c’è Internet che, ormai praticamente fruibile da tutti, rappresenta la novità dalla quale è difficile prendere le distanze.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©