Cyber, scienza e gossip / Internet

Commenta Stampa

Windows riparte con la versione 8.1


Windows riparte con la versione 8.1
28/06/2013, 18:11

MILANO - Dopo molte indiscrezioni e anticipazioni, Steve Ballmer ha tolto i veli al nuovo sistema Windows 8.1che è disponibile in versione preview, e cioè in prova (e quindi se volete scaricarlo ricordate di fare back-up di tutto prima di abbandonare il vecchio OS). Le novità sono tante rispetto a prima. 

La ripartenza di Windows, anche simbolicamente, inizia dal tasto (digitale) dell'avvio, una mancanza che si era fatta molto sentire in Windows 8, e che è però stata riproposta guardando indietro anziché avanti: recuperato il menù grigio a tendina tradizionale (presente fino a Windows 7) da cui è possibile gestire molte operazioni (molte più delle versioni precedenti), tra cui lo spegnimento del dispositivo.

Altra novità ben visibile è la possibilità di gestire tutte le app da un'unica schermata, il che semplifica la vita degli utenti che con Windows 8 faticavano un po' a risalire a tutti gli applicativi scaricati. Aumenta anche la personalizzazione della schermata iniziale con i 'tiles' – i quadrotti in cui sono iscritte le icone – liberamente modificabili per posizione e dimensioni e facilmente aggregabili in cluster. E migliora anche il dettaglio per la gestione del pannello di controllo, molto più raffinato rispetto al predecessore.

Ultima novità molto visibile è la nuova versione dello snap, la possibilità di ridimensionare, spostare e controllare sullo schermo le varie finestre aperte. Già ben fatto in Windows 8, nella nuova release del sistema operativo è ancora più fluido e modulabile.

Rinnovato anche lo Store dove acquistare software: al posto della solita lista di app ne vengono segnalate in bella evidenza solo un paio, molto personalizzate in base alle abitudini e preferenze dell'utente. Molto spazio è lasciato all'illustrazione dell'app selezionata, e viene così scardinata, con eleganza, l'estetica degli altri appstore

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©