Cyber, scienza e gossip / Gossip

Commenta Stampa

Il regista USA le preferisce la Cotillard

Woody Allen boccia la Bruni per il suo film


Woody Allen boccia la Bruni per il suo film
06/04/2010, 22:04

PARIGI - Primavera infocata all’Eliseo. Dopo i venti di crisi sulla coppia presidenziale ora ad essere colpita è Carla Bruni.
Tra le numerose velleità artistiche della Bruni c'è anche il sogno di fare l'attrice. E allora cosa c'è di meglio che un debutto al fianco di un mostro sacro del grande schermo come Woody Allen? Ma qualcosa deve essere andato storto e alla fine il regista statunitense ha sciolto la riserva sull'attrice protagonista del film che girerà in Francia la prossima estate.
Niente da fare. Carlà è stata bocciata senza appello. La protagonista non sarà lei ma la ben più quotata e altrettanto affascinante Marion Cotillard, già Premio Oscar per l'interpretazione di Edith Piaf ne «La vie en rose». Per la première dame ci potrebbe essere al massimo un cameo che sa tanto di contentino. «Le riprese dovrebbero cominciare quest'estate a Parigi - aveva detto speranzosa Carlà la scorsa settimana - Non so ancora che parte reciterò, non ho ancora ricevuto la sceneggiatura. È un personaggio importante, sembrerebbe. A meno che non mi chieda di fare solo una comparsa?! Tutto è sempre possibile». E infatti è stato tutto possibile. Soprattutto se dietro la macchina da presa c'è il genio e sregolatezza di Woody Allen. Uno di quelli che non la manda certo a dire. Se la settima arte non è stata finora molto generosa con la Bruni, non le è andata meglio con la musica.
L'intraprendente ragazza ha già all'attivo tre dischi. Il primo, uscito otto anni fa, si intitolava «Quelqu'un m'a dit» e l'ha fatta conoscere in tutto il mondo anche come timida e intimista cantante acqua e sapone. Dopo i fasti sulle passerelle giovanili, sembrava l'inizio di una nuova carriera. E invece era l'alba di un nuovo flop. Nel 2007 e nel 2008 altri due cd le cui vendite sono calate vertiginosamente. La sua «vocina» sussurrata sarà per alcuni evocativa ma è indimenticabile la parodia che le ha dedicato Fiorello nel suo ultimo show. Fatto sta che la première dame con le mani in mano proprio non ci sa stare. Allora tra timide smentite e fiacche conferme via agli impegni umanitari e politici che l'hanno vista in prima fila anche nella battaglia per concedere asilo politico all'ex terrorista Cesare Battisti. Fino alle ultime elezioni regionali francesi che, sulla scia dei presunti problemi familiari, hanno visto Sarkò nella lista degli sconfitti di lusso. L'estro di Carlà non sembra avere confini e dalle passerelle di moda ha deciso di conquistare il resto del mondo. Ma nonostante la bellezza mozzafiato non sarà che chi troppo vuole nulla stringe?
 
 

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©