Dal mondo / America

Commenta Stampa

Prima parte di un resoconto di cosa successe nel 2001

11 settembre: l'eroico aereo svanito nel nulla


11 settembre: l'eroico aereo svanito nel nulla
07/09/2011, 11:09

Tra pochi giorni ci sarà il decennale dell'attentato dell'11 settembre. E già è partita la solita campagna del "povere vittime del terrorismo islamico" e menate su questa falsariga. Ma vogliamo ricordare i fatti come sono andati? La versione ufficiale parla di quattro aerei dirottati: due si schiantano nelle Twin Towers e le fanno crollare; uno si schianta nel Pentagono; l'ultimo, diretto verso la Casa Bianca, si schianta al suolo grazie all'eroico comportamento dei passeggeri che si ribellano contro i dirottatori. Queste sono le favole raccontate dall'amministrazione Bush e da tutti i mass media, che continuano con questa impostura anche oggi. Noi raccontiamo invece - o meglio, elenchiamo - le "incongruenze" alla versione ufficiale.
E cominciamo ovviamente dall'aereo degli eroi. Ci hanno fatto anche un film a tempo di primato (uscì nel 2006) intitolato "United 93", che era il nome in codice di quel volo. Allora: tre aerei si sono schiantati sul Pentagono e sulle Twin Towers, racconta la versione ufficiale, e l'aereo in questione è stato dirottato; i passeggeri vengono a sapere degli altri schianti (nonostante sugli aerei come è noto i cellulari devono essere spenti, ma qui abbiamo passeggeri disubbidienti); anche se stanno sui boschi della Pennsylvania, ad oltre 240 Km da Washington e senza alcuno strumento a bordo (sono stati tutti staccati al momento del dirottamento), riescono a capire che i dirottatori si schianteranno sulla Casa Bianca; e quindi in un impeto patriottico sfondano la porta che separa la zona passeggeri dalla cabina di pilotaggio, ingaggiano una colluttazione con i terroristi, l'aereo precipita e si schianta al suolo.
Beh, come minimo ci vuole una scatola di fazzoletti, se si ha la dabbenaggine di credere ad un racconto del genere. Ma le prove di tutto questo dove sono? Come si è ricostruito tutto questo? Bella domanda. In genere, in caso di disastro aereo, per prima cosa si esaminano i rottami dell'aereo. Che precipiti per una esplosione o si schianti semplicemente al suolo, l'aereo lascia un bel po' di detriti in giro; se non sta sul mare, lascia anche un profondo solco, dato che "scava" il terreno con la parte di sotto della fusoliera. Inoltre è facile trovare i corpi. Può sembrare strano, ma se un aereo si schianta al suolo, i corpi vengono trovati tutti, di solito. Ed anche in condizioni non troppo rovinate dall'impatto.
Niente di tutto questo per lo United 93. Tutto quello che venne ritrovato al suolo fu un piccolo cratere (profondo circa un metro, diametro circa 10 metri), all'interno del quale c'erano alcuni piccoli oggetti metallici. Per far capire le dimensioni di questi oggetti, essi trovarrono comodamente posto in una bustina di plastica richiudibile, sul tipo di quella usata dai RIS, che misura 60X40 centimetri. Quindi parliamo di un aereo lungo quasi 50 metri, con una apertura alare di 38 e un peso di oltre 60 tonnellate che lascia al suolo circa 30 o 40 grammi di frammenti e nessun corpo dei circa 200 passeggeri che può contenere.
C'è da aggiungere una cosa: sono state intervistate molte persone della zona che hanno riferito, davanti alla telecamera, di aver visto quella mattina dell'11 settembre 2001 un jet militare (qualcuno si è azzardato a specificare che era un F-16) e di aver sentito uno scoppio o di aver visto uno sbuffo di fumo provenire proprio dalla zona in cui poi sono stati ritrovati i resti dell'aereo. Per inciso, il cratere in questione è di dimensioni molto simili a quello che produrrebbe una bomba d'aereo da 250 libbre (la più piccola a disposizione dell'aviazione americana) fatta esplodere in prossimità dell'impatto al suolo.
Quanto scritto sopra è facilmente dimostrabile e ciascuno può verificarlo da solo. Certo, ci vuole molto tempo, perchè le foto vere sono minime, rispetto alle fotografie del film relativo. Un film che è un concentrato di menzogne, come dimostra un dato ufficiale, perchè raccontato dal regista e dagli attori: quello che si vede è stato ricostruito grazie alle testimonianze dei familiari delle vittime. A parte che nessuno sa chi siano queste vittime, ma cosa ne possono sapere di cosa è successo sull'aereo? Non erano presenti, ovviamente; quindi che testimoni sono? In realtà, il film è basato sulla ricostruzione fatta dal governo americano, meno di 24 ore dopo l'11 settembre. Un lavoro a tempo di primato.
(Nella foto, quello che dovrebbe essere lo sbuffo di fumo al momento dello schianto dell'aereo. Da notare che il kerosene solitamente all'impatto si incendia e disperde fumo nero, come si vide anche al Penatgono e alle Twin Towers)

(1............ continua)

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©