Dal mondo / America

Commenta Stampa

Un articolo di Guido Olimpo che nega i fatti accaduti allora

11/9: quest'anno comincia il Corriere con le menzogne


11/9: quest'anno comincia il Corriere con le menzogne
10/09/2010, 12:09

C'è un articolo apparso oggi sul Corriere della Sera, nell'edizione on line, a firma Guido Olimpo, dal titolo: "Gli indizi ignorati della strage che colpì l'America al cuore". Naturalmente uno si aspetta di trovare chissà quali dichiarazioni o prove sconvolgenti. E invece l'articolo è il pretesto per richiamare ancora le presunte responsabilità di Al Qaeda nell'attentato. Nessuna parola sui due aerei (lo United 93 che, come racconta un film, si schiantò perchè i passeggeri si sacrificarono per impedire che si schiantasse sulla Casa Bianca e quello che colpì il Pentagono) che nell'urto sono evaporati, lasciando in un caso solo qualche molla metallica e nel secondo meno di 2 tonnellate di materiale a fronte di un peso a vuoto di 60 tonnellate. Niente da dire sul fatto che l'aereo che si schianta nel Pentagono si avvicina con una manovra impossibile da fare. Neanche una parola sul crollo delle Twin Towers, per un calore di 600 gradi così speciale da fondere le travi di acciaio che resistono a 1500 gradi di temperatura e che erano ricoperte di amianto, che resiste a 3000 gradi. Certo, ammette - e non ne può fare a meno - che i piloti non erano assolutamente capaci di guidare i jet che usarono, eppure fecero acrobazie e manovre tali da far sfigurare i migliori assi, come trovare con un GPS portatile (peraltro mai trovato e che nel 2001 non era poi così comune e preciso) un singolo edificio dopo aver pilotato manualmente e senza alcuno strumento l'aereo per 5oo Km. ed oltre. Naturalmente non una parola sul fatto che proprio quel giorno era stati stabiliti addestramenti in Alaska, Canada, Messico, Texas, e così' via, tanto che la difesa aerea del territorio statunitense era affidata a due soli aerei di stanza in Florida. Per non parlare del fatto che dei 19 presunti terroristi, 6 sono stati trovati in giro per il mondo: tre sono stati trovati in Afghanistan, uno o due in Pakistan; uno è stato addirittura prigioniero a Guantanamo. Olimpo riesce addirittura a scrivere che l'attentato del 1993 alle Twin Towers fu fatto da Osama bin Laden, quando è noto che fu una bomba piazzata da uno dei tanti gruppi che oppongono ideologie naziste di presunta supremazia della razza bianca.
Insomma, un articolo che non prende minimamente in esame la realtà dei fatti, ma anticipa - come faranno tutti i quotidiani e le TV domani - la solita raffica di balle sull'America attaccata dal terrorismo di Al Qaeda e dai cattivissimi islamici, sull'attentato che ha colpito i civili e tutte le altre menate del genere. Perchè ovviamente nessuno ha il coraggio di raccontare la verità, cioè che fu una cosa organizzata dal governo Bush e dalla Cia per poter invadere due Paesi senza che la popolazione reagisse. E che adesso c'è bisogno di rinfrescare bene la memoria, perchè bisogna colpire il terzo cattivissimo, l'Iran. Già circondato dall'Esercito del Bene (quello americano) sia da est (Afghanistan) che da ovest (Iraq), il regno di Satana (l'Iran) dovrà pagare la sua cattiveria, per avere tentato di lapidare Sakineh (cosa impossibile perchè la lapidazione in Iran è sospesa dal 2002), per voler costruire bombe nucleari per bombardare Israele (cosa impossibile perchè c'è una fatwa di Khomeini che vieta di usare armi di distruzione di massa, arrivando a qualificare in questa maniera anche i missili a testata convenzionale che non siano così precisi da colpire solo obiettivi militari), ed in generale per essere dei cattivoni. Ah,sì, hanno anche la colpa di trattare il petrolio che esportano in euro e non in dollari e di non volerne dare la gestione ad imprese americane, ma questo non diciamolo in giro.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©